Incidente per Chiara Ferragni: ecco cosa le è successo

Incidente per Chiara Ferragni. La fashion blogger è corsa in sala operatoria, per lei un piccolo intervento. Ma ecco cosa è successo davvero: la Ferragni sarebbe corsa d’urgenza all’ambulatorio, perché un orecchino troppo pesante le avrebbe fatto sanguinare l’orecchio, lacerandole il lobo. L’incidente è stato documentato (come ogni cosa che succede nella sua vita) con foto e selfie sui social.

“Il mio lobo si è rotto a causa di un orecchino. È lacerato e ha bisogno di punti di sutura”, così racconta la Ferragni in una storia su Instagram.

L’episodio ha prodotto paura e sgomento tra i suoi followers che non hanno potuto fare altro che augurarle una buona guarigione, ma non sono mancati i commenti poco carini. Come quelli di chi grida ancora alla polemica sul costo dell’acqua Evian, da lei targata. “Tranquilla, Chiara. Con quello che costa l’acqua Evian riuscirai a comprarti un po’ di acqua ossigenata”, commenta l’utente di Instagram.

L’acqua di Chiara Ferragni: il costo è spropositato ma Fedez risponde

Chiara Ferragni e la sua acqua: è bastato questo a scatenare l’inferno sui social. Il dibattito e le polemiche sono partite da uno scatto che mostrava una bottiglietta d’acqua Evian con il logo della celebre influencer (l’occhio con le ciglia che ormai vale milioni), il suo nome e infine il prezzo: ben 8 euro. La cifra ha generato una serie di ironie e critiche che non hanno considerato alcuni importanti dettagli: prima di tutto si tratta di una collaborazione che risale a qualche tempo fa. Inoltre il costo dell’acqua Evian – appartenente all’azienda francese della Danone – è sempre alto a prescindere dal nome che vi compare sopra. 

La reazione della Ferragni è stata molto calma e serena: si è fatta una bella risata di fronte alle gif più divertenti. Meno serafico il marito Fedez, che ha voluto difendere la neo-sposa (i due sono convolati a nozze l’1 settembre 2018).

Il rapper ha realizzato una Stories che ironizza sul polverone sollevato dall’acqua ma precisa alcuni punti chiave: “Se volete queste notizie chiedete a ma ragazzi, questa cosa è fuori da un anno, due anni. Se me lo chiedevate ve lo dicevo prima, io lo sapevo da mo’.

E per tutti gli indignati che stanno inserendo Chiara fra le fonti del prosciugamento sorgivo dell’Ecuador devo dirvi che l’acqua Evian è già cara di per sé, e tutte le collaborazioni con Evian costano così e indovinate un po’? Il prezzo non lo decide Chiara, ma l”azienda. Quante cose so amici!”, ha detto. È vero, 8 euro per una bottiglietta d’acqua, seppur griffata, sono molti. Eppure sul sito il prodotto risulta già sold out. Sarà stato merito della convenienza? La confezione da 10 permetteva di risparmiare e di pagare ‘solo’ 6,20 euro a bottiglietta. Un affare che, evidentemente, nessuno ha voluto farsi scappare.

Sonia Bruganelli, moglie di Paolo Bonolis, difende Chiara Ferragni

Sonia Bruganelli è di nuovo al centro dell’ennesima polemica. In questo caso la moglie di Paolo Bonolis è stata attaccata su Instagram a causa di un suo post in difesa della fashion blogger Chiara Ferragni. In particolare, la Bruganelli ha definito “sterile” la polemica che sta scuotendo la Ferragni e il lancio della sua acqua Evian.

Queste le sue parole: “La cosa più allucinante di tutte peraltro, è che la rete ha cominciato ad inveire contro Chiara Ferragni, piuttosto che, eventualmente, contro il brand. Che poi vorrei ben capire perché Evian non sarebbe libera di decidere di vendere una bottiglia della sua acqua alla cifra che vuole. Liberi noi di non comprarla, no? “Eh, ma l’acqua è acqua”, diranno in molti, ma non è così da quando il marketing ha cambiato le regole del gioco, rispondo io.

Sarebbe come se io inveissi contro la Versace, perchè i miei nuovi pantaloni – divini, ma poveri – di Zara, che sono spudoratamente ispirati al suo stile, costano soli 39,90 euro mentre i suoi qualche migliaio di euro.

Qualcuno prima di me disse “Se un italiano vede un Maserati, non pensa a come fare per poterselo un domani permettere, ma pensa a tagliargli le gomme” e, anche se non amo le generalizzazioni, in questa frase risiede la spiegazione del perché il Brand Ferragni sollevi ogni volta tante polemiche: l’invidia sociale. Essere ricchi non può essere una colpa: non comprate l’Evian e scassateci meno le palle”.

I commenti sotto il suo post sono stati davvero duri. C’è chi le ha risposto: “Cara @soniabrugi , il problema non è essere ricchi ( lo si è per successi personali , per fortuna , o eredità familiari ) ma ostentare con arroganza e superbia la ricchezza …atteggiamento che onestamente trovo abbia fatto tuo da un bel po di tempo e che sinceramente non percepisco dal profilo della @chiaraferragni , che oltre al dono naturale di essere molto bellaaa ha anche dei meriti di successo personale e professionale , motivi per i quali grandi nomi scelgono lei come testimonial . Per il resto chi ha sete …beva pure e faccia tanta plin/plin …. ma quella era un altra acqua 😉”.

Comments

commenti