Primo PianoRoyal GossipVita da VIP

Principe Harry, il detective privato chiede scusa: “L’ho privato dell’adolescenza”

Gavin Burrows ha ammesso di aver addirittura hackerato il telefono della sua ex fidanzata

Gavin Burrows ha ammesso di aver preso di mira Chelsy Davy, l’ex fidanzata del principe Harry, della quale avrebbe hackerato il telefono e perquisito le cartelle cliniche. Si è anche scusato con lui nel corso di un episodio della serie di documentari The Princes and the Press per avergli “rubato l’adolescenza” con un accanimento esagerato.

Le scuse del detective privato al principe Harry

Il detective privato Gavin Burrows ha ammesso ammesso pubblicamente di aver preso parte a un’operazione mediatica “spietata” nei primi Anni 2000. Parlando al documentario The Princes and the Press della BBC, si è scusato per il modo in cui ha seguito le vicende del principe Harry. “Ho fatto parte di un gruppo di persone che lo hanno derubato della sua normale adolescenza“, ha confessato l’investigatore nel programma, riferendosi ai giornalisti dell’epoca. L’uomo ha anche ammesso di aver preso di mira Chelsy Davy, ai tempi fidanzata del duca di Sussex, arrivando ad hackerare il suo telefono. Burrows ha ammesso di aver controllato la ragazza per tutta la durata della sua relazione con Harry, cercando informazioni su di lei anche negli ospedali.

Il principe era convinto che non avrebbe sposato nessuno prima di Meghan Markle

L’enorme pressione mediatica, inoltre, avrebbe profondamente influenzato la vita sentimentale del principe Harry. E questo al punto da far precipitare la fine della relazione con Chelsy Davy, nel 2011. Secondo la giornalista Roya Nikkah del Sunday Times:Quando hai una relazione o stai pensando di sposarti con un membro della famiglia reale, il controllo che devi affrontare è enorme. Parte del motivo per cui le sue storie d’amore non hanno avuto successo è che nessuno voleva sottoporsi a tale controllo da parte dei media“. Una difficile situazione che avrebbe portato Harry ad inimicarsi la stampa sempre di più, convincendosi che sarebbe rimasto solo nella vita. La giornalista, infatti, ha aggiunto che, prima di conoscere Meghan Markle era profondamente convinto che non sarebbe riuscito a sposarsi e ad avere una famiglia proprio a causa dei media.

Roya Nikkah ha aggiunto: “A quel tempo, era sulla trentina. Molti dei suoi amici si erano sposati e avevano messo su famiglia. Era molto preoccupato che non avrebbe mai sperimentato questo, che non avrebbe trovato qualcuno che potesse affrontare questa esposizione mediatica“. Nel 2018, il principe Harry, però, ha sposato l’ex attrice Meghan Markle, prima di dimettersi dai doveri reali. Ora intende combattere contro le intrusioni dei tabloid nella sua vita privata. In particolare, ha citato in giudizio il News Group Newspapers, la casa editrice del The Sun, e l’ex News of the World.  

LEGGI ANCHE: William e Kate in guerra con la BBC: il concerto di Natala sarà trasmesso su ITV

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Privacy