Primo PianoRoyal Family

Meghan Markle vince contro il Mail: la lettera scritta al padre non doveva essere pubblicata

L'Alta Corte Inglese ha dato ragione alla Duchessa di Sussex

Meghan Markle ha vinto la causa contro il MailOnline e il MailOnSunday, tabloid inglesi che avevano pubblicato gli stralci di una sua lettera inviata al padre Thomas. L’Alta Corte Inglese ha accolto la denuncia della Duchessa di Sussex condannando l’editore della testata, ANL. I contenuti della lettera erano riservati e non scritti con lo scopo della stampa. Pubblicandoli, l’editore si è reso colpevole di violazione della privacy e del copyright. Meghan Markle “aveva la ragionevole aspettativa che il contenuto rimanesse privato” ha spiegato il giudice Mark Warby. La lettera era stata scritta dalla Duchessa nel 2018 al padre, con il quale vive un rapporto burrascoso, in occasione delle sue nozze con Harry, con cui si è sposata a maggio di quell’anno. Il genitore aveva preferito non partecipare alle nozze reali, spiegando di aver avuto un malore. Ma rumors di palazzo sostenevano che l’uomo fosse stato caldamente invitato a non presentarsi alla cerimonia.

Meghan Markle contro i giornalisti: quella lettera doveva restare privata

Meghan Markle, dopo la vittoria, ha rilasciato una prima dichiarazione. Ha innanzitutto ringraziato il marito Harry e la madre Doria Ragland per il supporto, e il tribunale per aver condannato i tabloid. Secondo la difesa della Duchessa, lei aveva scritto la lettera per dimostrare al padre il suo affetto, nonostante le incomprensioni del passato. In quelle righe Meghan si mostrava come una figlia devota e preoccupata per la salute dell’anziano genitore, allora di 74 anni. Ma gli editori del Mail non la pensano così. I loro difensori, durante le udienze, hanno sottolineato come la lettera sarebbe stata scritta proprio con l’intento di essere resa pubblica. Un tentativo fatto da Meghan Markle per migliorare la propria immagine pubblica e per allontanare da sé le voci che la dipingevano come distaccata e incurante del proprio padre. La lettera, hanno sostenuto gli avvocati del Mail, non sarebbe stata scritta dalla Duchessa, bensì dallo staff di Kensington Palace. La questione non si è comunque ancora risolta; a marzo si terrà una nuova udienza.

LEGGI ANCHE: Un reality in arrivo per Giulia De Lellis? L’indiscrezione

Back to top button
Privacy