Paura di contagio per Kate e William: morto il medico incontrato giorni fa

Grande paura per Kate Middleton e il principe William: il medico incontrato pochi giorni fa è deceduto a causa del coronavirus. Si teme per la loro salute.

La Famiglia Reale a rischio coronavirus?

Si è da poco ripreso ed è in fase di guarigione il principe Carlo, che qualche settimana fa era risultato positivo al tampone del coronavirus. L’erede al trono sta vivendo lontano dal resto della Famiglia Reale, chiuso in quarantena tra le mura del castello di Balmoral in Scozia. Da lì continua a partecipare agli impegni presi dalla Corona tramite le video-chiamate, e dal suo studio ha registrato un messaggio rivolto a tutti gli inglesi. 

Ma il caso del principe Carlo potrebbe non essere l’unico all’interno della Famiglia Reale, e si teme molto anche per la salute della Regina Elisabetta e dei duchi di Cambridge, William e Kate Middleton.

Anche la coppia, infatti, è considerata a rischio, soprattutto nelle ultime ore: ecco cosa è successo.

Paura per William e Kate Middleton

Anche dopo i primi casi di coronavirus nel Regno Unito e il contagio del principe Carlo, William e Kate Middleton hanno continuato a lavorare attivamente.

Mentre tutti i membri della Famiglia Reale si sono posti in isolamento, nelle varie tenute della Corona, i duchi di Cambridge hanno preso parte ad impegni pubblici, rappresentando la regina Elisabetta. Adesso, però, si teme per la loro salute.

Lo scorso 20 marzo Kate Middleton e William si sono recati alla sede dell’NHS 111, il servizio di primo soccorso che raccoglie le chiamate di emergenza. Giorno 1 aprile, invece, hanno fatto visita a  due ospedali di Londra per mostrare sostegno a medici e infermieri.

A pochi giorni dall’incontro, però, i duchi di Cambridge hanno saputo che uno degli operatori sanitari con cui sono entrati in contatto è morto per complicazioni da coronavirus. Intanto Kensington Palace sta svolgendo tutte le indagini necessarie per scongiurare il pericolo.

LEGGI ANCHE: Fiorello asfalta Salvini: “Puoi farlo in bagno se vuoi…”