Alberto Urso single,finita con Valentina Vernia:”La donna della mia vita è…”

Alberto Urso affronterà il palco dell’Ariston con il cuore “libero”. Il cantante di Amici, come rivelato da Dagospia, ha interrotto la sua storia con Valentina Vernia. I due si erano conosciuti nella scuola di Amici, ma la ballerina sembra essere definitivamente uscita dalla vita del cantante, come ha rivelato la rubrica di Sanremo Spia:

Si esibirà nel corso della prima serata Alberto Urso, il vincitore di Amici ha provato ieri pomeriggio ottenendo molti applausi. Low profile e molta concentrazione. E sul fronte privato? Il cantante ha il cuore libero, è infatti finito l’amore con la ballerina Valentina Vernia che aveva conosciuto proprio nel talent di Canale 5. La musica al primo posto.

La loro storia era venuta fuori da una confessione che Urso aveva fatto a Verissimo, senza però sbilanciarsi troppo a riguardo:

Non so se sono fidanzato, è una parola forte, ma frequento una ragazza. Ci vogliamo bene e stiamo bene insieme. Si chiama Valentina, ha partecipato con me ad Amici.

Alberto Urso: “Ho dedicato Il sole ad Est alla vera donna della mia vita”

Se c’era qualcuno che ancora pensava che la sua canzone Il sole ad Est fosse dedicata alla sua ormai ex ragazza, dovrà ricredersi. Come confessato da Alberto Urso a Chi, la canzone è infatti dedicato alla vera donna più importante della sua vita:

Ho dedicato la mia canzone “Il sole ad est”, alla vera donna della mia vita: mia nonna Rosetta. Ovunque mi trovi ho un punto di riferimento e quel punto è mia nonna, che è la mia salvezza, la mia casa. Poi ciascuno può dedicarla a chi ama, l’amore è un sentimento universale che include e non esclude. Mia nonna Rosetta è stato il faro della mia vita. Il mio angelo custode. Lei mi ha incitato a cantare, quando ero piccolo mi cantava le arie liriche. mi cantava arie di “Turandot”, o “Una furtiva lagrima” da “L’elisir d’amore” di Donizetti. L’opera era nelle mie vene e nel mio cuore”.

 

LEGGI ANCHE: https://velvetgossip.it/2020/01/05/alberto-urso-a-sanremo-2020-il-mio-genere-non-e-passato/