Antonella Mosetti: “Io e Aldo? Forse non eravamo pronti”

E’ passato poco più di un mese da quando Antonella Mosetti ha deciso di annunciare, tramite Twitter, la fine della sua relazione con Aldo Montano. “Ci sono cose che non finiscono come dovrebbero o come vorresti. Anche quando si parla di Amore. Ed in questo caso lo è stato anche per me”, ha scritto. Senza aggiungere altro, senza scendere nei particolari. In realtà si erano lasciati da un po’, ma la Mosetti ha preferito aspettare: nella vita ci vuole tatto. E dignità. E ha atteso ancora prima di spiegare i motivi della rottura: l’ha fatto per la prima volta ieri, ospite di Barbara D’Urso negli studi di Domenica Live. Bella come sempre, con il suo sguardo pulito e quel romanticismo che non riuscirebbe a nascondere nemmeno se volesse: “E’ stata – ha esordito – una storia d’amore molto lunga, molto forte. Vera al cento per cento, vissuta al massimo nel bene e nel male. Con il suo lavoro che lo portava in giro per il mondo“.

E’ iniziata sei anni fa, è stata una sorta di folgorazione da parte di entrambi. Sono andati a vivere insieme quasi subito in un appartamento a Roma. Asia, la figlia che Antonella ha avuto dal suo matrimonio con Alessandro Nuccetelli, faceva la quinta elementare. Nutriva una grande simpatia per Montano, aveva persino i suoi poster appesi in camera: anche fra loro due è nato un rapporto molto solido, fatto di confronto e pure – se necessario – grandi litigate. Perché i legami autentici sono fatti così.

La D’Urso ha dato voce alla domanda che si sono sempre posti in molti: perché Aldo e Antonella non si sono sposati, visto che indubbiamente hanno formato una coppia innamorata e affiatata? “Forse – ha risposto la showgirl – ci siamo conosciuti in un periodo in cui non eravamo pronti“. E poi, gradualmente, si è avvicinata la fine: “succede quando ti rendi conto che gli obiettivi non sono più comuni. Che fai una vita che non ti dà serenità. Io ci stavo impazzendo, perché quando finisce un amore così forte è difficile non diventarci matti“. E’ stato “un logorio lento“, dunque, anche se privo di astio e negatività. “La magia – ha continuato Antonella – passa. Ti svegli una mattina e ti chiedi: ‘ma è questa la vita che voglio fare? A 37 anni voglio davvero continuare a essere al fidanzata di un campione che ha ancora molto da dare allo sport?’. Lui forse avrebbe cambiato la mia vita, facendomi diventare una donna di casa; e io avrei cambiato la sua. E non è giusto, l’amore non dev’essere questo“.

Ce lo siamo detti da grandi – ha spiegato – pian piano. Senza litigare, facendo tante chiacchierate. Ci piace molto parlare. Ci siamo chiesti a vicenda: ‘ma secondo te c’è ancora la passione, il batticuore, l’amore sopra ogni cosa, oppure prevale ormai il desiderio di pensare a se stessi?’“. La risposta è stata uguale da entrambe le parti, e allora hanno deciso di fare il passo. Ma sono ancora molto uniti: “lo sento, lo vedo, ci sono cose che abbiamo in comune a casa“. Nessun tradimento in mezzo, nessun colpo di testa o di rabbia. L’affetto resterà. Quando all’amore… Beh, forse si riaccenderà o forse no. C’è un amore, invece, che per Antonella sarà sempre superiore a tutto: quello per Asia. Che, a sorpresa, è arrivata negli studi durante l’intervista. L’ha abbracciata di spalle e le ha detto davanti a tutti: “Ti voglio bene, mamma“.

Comments

commenti