Chicche di VelvetPrimo Piano

Doc – Nelle tue mani 2 e la morte di Lorenzo: ecco perché Gianmarco Saurino ha lasciato

Il personaggio di Lorenzo è il primo medico di una serie tv morto a causa del Covid: ma dietro c'è anche dell'altro

Ieri sera ha fatto il suo debutto su Rai1 il primo dei nuovi episodi di Doc – Nelle tue mani. Come ci si poteva aspettare, il medical drama nostrano è stato un successo inaudito, superando i 7 milioni di telespettatori, pari al 30.4% di share. Se da un lato ha ricevuto il plauso generale, dall’altro la prima puntata della nuova stagione ha scosso il pubblico, a causa della scomparsa improvvisa di uno dei personaggi più amati. I telespettatori – come è ormai noto – si sono trovati difatti costretti a dover salutare Lorenzo Lazzarini, uno dei medici del Policlinico Ambrosiano di Milano. Interpretato da Gianmarco Saurino, si tratta del primo dottore in assoluto in una serie televisiva italiana a spegnersi a causa del Covid. Ma dietro le esigenze narrative e alle dinamiche di sceneggiatura, esiste molto altro. E, a spiegarlo, è lo stesso Saurino in un’intervista concessa al Corriere della Sera.

Perché Gianmarco Saurino ha lasciato Doc – Nelle tue mani? Le parole dell’attore

Era già stato annunciato, soprattutto in occasione della conferenza stampa di presentazione, che Doc – Nelle tue mani 2 avrebbe affrontato la tematica della pandemia. D’altronde, da ormai due anni, il virus è entrato a far parte delle nostre vite, costringendoci a riadattare le nostre abitudini, quindi era inevitabile che ciò avvenisse. Eppure, nessuno dei telespettatori si sarebbe mai detto pronto a salutare uno dei personaggi principali, già dal primo episodio, ovvero il dottor Lorenzo Lazzarini.

A svelarne le motivazioni è stato Gianmarco Saurino, il quale ha rivelato il motivo per cui ha scelto di salutare il suo personaggio. Nonostante il successo da record, riconfermato anche nella prima puntata della seconda stagione, l’interprete – volto ormai noto delle fiction targate Rai – si è detto ormai pronto a una nuova fase della sua carriera. “C’è stata una comunione d’intenti.” – ha precisato l’interprete, proseguendo – “Dopo tanti anni di lavoro nelle serie di Lux Vide e della Rai, a cui devo tutto, avevo voglia di iniziare un percorso diverso. Penso al cinema, soprattutto. Dopodiché è una scommessa sia per me che per loro, che hanno scelto di togliere uno dei personaggi principali in questo modo. Me ne vado come Lippi dopo che l’Italia vinse i Mondiali.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gianmarco Saurino (@giasau)

In merito al suo futuro, infatti, Gianmarco Saurino sembra avere diversi progetti in ballo. L’interprete si è diviso, nel corso di questi mesi, su diversi set, affermando: “In contemporanea con Doc ho iniziato a girare Summit Fever, un piccolo film internazionale. Poi ho concluso le ripresi di I viaggiatori, di Ludovico Di Martino, un fantasy per cui ho preso dodici chili. In parallelo, voglio riprendere il teatro dopo gli anni di fermo per la pandemia. Mi ero dato come tappa i trent’anni per portare in scena Shakespeare per la prima volta.

LEGGI ANCHE: La seconda stagione di “The Witcher” è tra le più viste di sempre su Netflix

Lorenzo Cosimi

  • Cinema e tv

    Romano, dopo la laurea triennale in Dams presso l’Università degli Studi Roma Tre, si è poi specializzato in Media, comunicazione digitale e giornalismo alla Sapienza. Ha conseguito il titolo con lode, grazie a una tesi in Teorie del cinema e dell’audiovisivo sulle diverse modalità rappresentative di serial killer realmente esistiti. Appassionato di cinema, con una predilezione per l’horror nelle sue molteplici sfaccettature, è alla ricerca costante di film e serie tv da aggiungere all’interminabile lista dei “must”. Si dedica alla produzione seriale televisiva con incursioni sui social.

Privacy