Detto da loroPrimo Piano

L’ex assistente di Hillary Clinton denuncia gli abusi da parte di un senatore

Huma Abedin ha raccontato nel dettaglio l'avvenimento in un libro in uscita

Huma Abedin è stata per lungo tempo l’assistente di Hillary Clinton, che in alcune occasioni l’ha definita “come una figlia”. La donna, che oggi continua con la sua carriera in politica, ha scritto di recente un nuovo libro in cui dichiara di essere stata aggredita sessualmente da un senatore degli Stati Uniti. L’episodio è rimasto sepolto finora ed è stato inserito nel libro senza riferimenti espliciti.

L’ex assistente di Hillary Clinton denuncia le violenze sessuali da parte di un senatore

L’ex assistente di Hillary Clinton, Huma Abedin ha inserito l’accusa all’interno del libro dal titolo Both/And: A Life in Many Worlds, in libreria dalla prossima settimana. Il The Guardian ne ha ottenuto una copia in anteprima e ha anticipato parte del contenuto. Nulla fa capire chi possa essere il senatore coinvolto, dal momento che non fa il nome dell’uomo o del suo partito, né fornisce altri indizi. L’episodio, al contrario, è descritto con dovizia di particolari. Da quello che racconta nel libro, l’avvenimento è avvenuto poco dopo la sua partecipazione insieme ai Clinton al matrimonio di Donald Trump con la sua terza moglie, Melania Knauss, a Palm Beach, in Florida, nel gennaio 2005.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Huma Abedin (@humaabedin)

Both/And: A Life in Many Worlds, un racconto schietto

Dopo il racconto del matrimonio di Trump, la donna passa a descrivere l’avvenimento nel dettaglio. I fatti sarebbero avvenuti dopo una cena a Washington alla quale hanno partecipato “alcuni senatori e i loro assistenti” ma non Clinton. Huma Abedin scrive: “Sono finita per uscire con uno dei senatori, e ad un certo punto ci siamo fermati davanti al suo palazzo e mi ha invitato a entrare per il caffè. Una volta dentro, mi ha detto di mettermi comoda sul divano”.

Continua affermando che il senatore si è tolto la giacca, si è rimboccato le maniche e ha preparato il caffè mentre continuavano a parlare. “Poi, in un attimo, tutto è cambiato – continua la Abedin – Si è lasciato cadere alla mia destra, mise il suo braccio sinistro intorno alla mia spalla e mi baciò, spingendo la sua lingua nella mia bocca, premendomi di nuovo sul divano. Ero così completamente scioccata che l’ho spinto via. Tutto quello che volevo era che gli ultimi 10 secondi venissero cancellati“. Come riporta il The Guardian, l’ex assistente di Hillary Clinton è andata subito via respingendo l’uomo. “Poi ho detto qualcosa che solo la versione ventenne di me avrebbe pensato: Mi dispiace così tanto – ha concluso – E me ne sono andata cercando di apparire il più disinvolta possibile”.

LEGGI ANCHE: Hande Erçel, il ricordo della madre nel giorno del suo compleanno: fan commossi [FOTO]

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Privacy