Primo PianoRoyal Gossip

Il gruppo di investimento “etico” sostenuto da Harry e Meghan con milioni impiegati in compagnie chimiche e petrolifere

I tabloid inglesi hanno svelato i retroscena dell'azienda scelta dai Sussex per la nuova partnership

Il gruppo di investimento “etico” con cui il principe Harry e Meghan Markle hanno siglato un accordo avrebbe investito decine di milioni in aziende chimiche e petrolifere. Una notizia che ha alzato un polverone intorno alla coppia dei duchi di Sussex. Questa settimana avevano annunciato la partnership con il gruppo di investimenti Ethic. L’azienda, infatti, non sosterrebbe gli stessi principi ambientalisti e green della Famiglia Reale e della coppia.

L’investimento di Harry e Meghan al centro della bufera

La società di investimenti Ethic, con sede a New York, ha presentato i Sussex come partner in un’iniziativa che mira ad aiutare i giovani a realizzare investimenti concreti e affidabili. La mission si propone di guidare le famiglie ed i ragazzi con un avvenire più incerto per far investire loro dei soldi in maniera consapevole. Ma la stessa azienda andrebbe contro i principi green che i Sussex portano avanti su altri fronti. E mentre la Famiglia Reale inglese si sta facendo in quattro per sostenere la lotta ai cambiamenti climatici, Harry Meghan Markle finiscono nel mirino dei tabloid per essere diventati partner di un’azienda che investe in pesticidi, petrolio e farmaci.

Il passato e il futuro dell’azienda alleata dei Sussex

La Ethic è finita più volte al centro della bufera negli ultimi anni. Come riporta il The Sun, alcuni documenti depositati negli Stati Uniti mostrano che ha investito circa 1,1 milioni di sterline nell’azienda chimica Corteva Inc. La Corteva, però, ha affrontato anche alcune accuse in California anni fa per l’uso di un pesticida legato ad un presunto danno cerebrale causato nei bambini. E mentre l’azienda insiste sulla sicurezza dei suoi prodotti, l’opinione pubblica non ne rimane del tutto convinta.

La Ethic ha anche investito in uno dei maggiori produttori di petrolio greggio d’America e in un’azienda accusata di sovraprezzare ai pazienti del Regno Unito un farmaco per la fibrosi cistica. Non sono notizie che mettono il principe Harry e Meghan Markle in una posizione lusinghiera. L’autrice Penny Junor, infatti, ha rilevato che l’azienda potrebbe rappresentare un serio pericolo per l’immagine dei Sussex. La questione ha risonanza maggiore soprattutto in un momento in cui l’ambiente rappresenta un tema caro ai Royals oltreoceano.

LEGGI ANCHE: La regina Elisabetta in Galles per ringraziare gli eroi della pandemia

Roberta Gerboni

Beauty & Royal affairs

Siciliana, vive a Roma. Appassionata di scrittura e giornalismo fin da giovane, inizia il proprio percorso in redazione a 17 anni, occupandosi di cultura e attualità. Per tre anni redattore del Corriere di Gela, si è dedicata alla redazione di articoli per varie testate online.
Laurea Magistrale con Lode in Lettere Classiche all' Università degli Studi di Siena, dopo aver conseguito la laurea triennale in Lettere a Catania.
Appassionata di salute, bellezza e delle vite dei reali di tutto il mondo.

Privacy