Primo PianoRoyal Gossip

Il principe Harry e Meghan Markle hanno portato un cameramen a New York

I Sussex avrebbero ripreso ogni impegno a cui hanno preso parte

Il viaggio di Harry e Meghan a New York aveva anche un secondo fine non espressamente dichiarato. Gli osservatori più attenti, infatti, si sono accorti del cameramen e dei microfono dei Sussex. Le scene del loro breve soggiorno nella Grande Mela, infatti, potrebbero servire per il documentario che la coppia ha concesso a Netflix.

Il documentario di Harry e Meghan registrato anche a New York

Il principe Harry e Meghan Markle hanno segretamente registrato la loro visita a New York per un documentario Netflix sulle loro vite. I Sussex, infatti, si sono recati ad un incontro con il sindaco della City per commemorare le vittime dell’attentato dell’11 settembre. E qualche giorno dopo hanno preso parte al Global Citizen Live, invocando il diritto al vaccino per i paesi più poveri. Ma Page Six ha scoperto che per tutta la durata del loro viaggio i due hanno portato con sé il loro operatore video. Il cameramen, infatti, è mostrato in alcune foto mentre li segue con la videocamera in giro per la città. I Sussex, inoltre, avrebbero anche portato il loro fotografo, Matt Sayles, per documentarli.

Le riprese da inserire nel documentario Netflix

Osservando bene altre immagini, il principe Harry sembrava avere indosso un microfono durante la sua visita con sua moglie all’iconico ristorante di Harlem Melba Friday. Aveva un filo intorno al collo, che sembrerebbe essere proprio quello di un microfono. Meghan Markle, invece, ha indossato abiti pesanti che avrebbero nascosto qualsiasi traccia. Altre fonti che conoscono i Harry Meghan hanno affermato che hanno anche raccolto filmati per gli archivi della loro fondazione Archewell. Tutti i filmati, inoltre, sarebbero candidati ad entrare a far parte del documentario prodotto da Netflix per il quale riceveranno un ingente somma di denaro.

LEGGI ANCHE: Il royal wedding Don Jaime di Borbone in Sicilia con Lady Charlotte Diana

Privacy