Chicche di VelvetPrimo Piano

Quando Gucci ha scelto i Maneskin come testimonial

La rock band che ha conquistato l'Eurovision è stata scelta personalmente dal direttore creativo della maison per la campagna di Gucci Aria

Il sodalizio fra Gucci e i Maneskin è già entrato nella storia. La talentuosa rock band, che ha sbaragliato la concorrenza non solo a Sanremo, ma anche all’Eurovision, ha indossato più volte look total Gucci. Tuttavia il direttore creativo della maison Alessandro Michele ha scelto personalmente di coinvolgere la band come testimonial della nuova campagna dedicata a Gucci Aria. Vincitori dell’Eurovision Song Contest 2021, i Maneskin hanno ottenuto una fama incontrastata a livello internazionale. Seguitissimi sui social e apprezzati per il loro talento, entrano di diritto nella famiglia Gucci per volere di Alessandro Michele e presenziano nella campagna indossando gli abiti e gli accessori più iconici della nuova collezione Aria.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gucci Official (@gucci)

I Maneskin nella campagna di Gucci Aria

Aria non è altro che la prima collezione presentata quest’anno dalla maison, ma il suo valore aggiunto è che celebra il centenario di Gucci. E l’onore di rappresentare questo importante traguardo storico va anche a Damiano David, Victoria De Angelis, Ethan Torchio e Thomas Raggi. Realizzata da Mert Alas e Marcus Piggot, la campagna come sottolinea il brand incarna “l’impeto rivoluzionario e gioioso dell’eros in quanto forza creativa dell’immaginario contemporanea“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gucci Official (@gucci)


Ed essendo dedicata al centenario della maison, la campagna è stata ambientata in un hotel che ha il compito di ricordare il Savoy Hotel di Londra, dove tutto ha avuto inizio. Da giovanissimo, quello che sarebbe poi diventato il fondatore di casa Gucci si è trasferito dapprima a Parigi per poi arrivare a Londra, dove ha lavorato come cameriere presso il prestigioso Hotel Savoy. Affascinato da tanto lusso, dopo quattro anni tornò in Italia per aprire la sua prima boutique e il resto è storia. Inoltre l’Hotel Savoy è stato scelto anche come setting della sfilata digitale di Gucci Aria, con la quale la maison ha festeggiato i suoi 100 anni di attività.

LEGGI: Barbie e Ken aprono la Milano Fashion Week

Cristina Migliaccio

Moda, Lifestyle & Glamour

Nata ad Ischia, ha studiato a Salerno dove ora vive Editoria e pubblicistica. Ha vissuto quattro anni a Roma diventando giornalista pubblicista.
Appassionata di libri e di tutte le dinamiche dell'intrattenimento televisivo, soprattutto riguardo le serie TV. Si occupa di Moda, analizzando nel dettaglio i red carpet e le tendenze. Sul blog www.velvetgossip.it di VelvetMAG è curatrice di curiosità ignote ai più.

Privacy