Chicche di Velvet

Cibo e social: uno studio rivela cosa fanno gli utenti dopo aver fatto la foto alla pietanza

Che fine fanno i piatti assortiti di ogni bendidio immortalati sui social? Una ricerca ne rivela le sorti spesso poco fauste

Cibo e social network: un’accoppiata vincente se si pensa alle migliaia di foto che ritraggono succulente pietanze; ma che fine fanno i manicaretti dopo che lo scatto è stato postato, per esempio, su Instagram, Facebook o Twitter? A rivelarlo uno studio. Un sondaggio condotto da OnePoll per California Figs, ha spiegato in che modo si comportano la maggior parte degli utenti, quando decidono di immortalare un piatto ricco di cibo.

Sono state 2000 le persone intervistate con lo scopo di individuare il percorso delle pietanze ‘dal piatto ai social’; dei volontari intervistati ben il 40% ha ammesso di aver caricato foto di di cibo o bevande che poi non sono mai state consumate (almeno da loro stessi). Il 19% ha rivelato di non aver mai avuto intenzione di consumare il piatto immortalato; il 27% degli utenti sentiti avrebbe persino rivelato di aver cambiato la propria dieta per poter scattare foto al cibo. Una serie di altre scoperte ha reso poi lo studio, condotto da OnePoll, estremamente interessante.

Che fine fa il cibo postato sui social?

Le scoperte fatte con il sondaggio hanno rivelato diversi aspetti della relazione cibo-social network; i ricercatori hanno individuato nel 57% degli intervistati la tendenza a spostare o riorganizzare un piatto in modo da ottenere lo ‘scatto perfetto’. Sembra, inoltre, che il 59% degli intervistati non abbia permesso ad amici e parenti di consumare la pietanza prima dello scatto della foto di rito. Come si legge su StudyFinds, Karla Stockli, CEO del California Fig Advisory Board ha dichiarato: “Non è una sorpresa che i social media continuino a influenzare le abitudini delle persone in modi inaspettati e unici, comprese le tendenze alimentari. Ciò che abbiamo trovato illuminante è stata l’importanza dei cibi fotogenici e come questo abbia influenzato l’aumento di popolarità di cibi come i fichi”. A tal proposito, infatti, la ricerca avrebbe dimostrato che più della metà degli utenti si lascia influenzare da ciò che ha visto sui social; per esempio il 53% ha trovato l’ispirazione per provare una ricetta dopo averla vista sul suo feed social. Del resto il 54% degli intervistati ha rivelato di usare i social come principale fonte per ricette o acquistare un frutto mai comprato.

LEGGI ANCHE: La Casa di Carta, perché indossano tutti la maschera di Dalì? Svelato il motivo [VIDEO]

Francesca Perrone

  • Cultura, Ambiente & Pets

    Messinese trasferita a Roma per gli studi prima in Scienze della Comunicazione Sociale presso l'Università Pontificia Salesiana, con una tesi su "Coco Chanel e la rivoluzione negli abiti femminili", poi per la specializzazione in Media, Comunicazione Digitale e Giornalismo alla Sapienza. Collabora con l'Agenzia ErregiMedia, curando rassegne stampa nel settore dei rally e dell'automobilismo. La sue passioni più grandi sono la scrittura, la moda e la cultura.
    Responsabile dei blog di VelvetMAG: VelvetPets (www.velvetpets.it) sulle curiosità del mondo animale e di BIOPIANETA (www.biopianeta.it) sui temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità.

Privacy