Cose da VipPrimo Piano

Chi è Fabrizio Ferraguzzo, il nuovo manager dei Maneskin?

Dopo aver abbandonato la storica manager a giugno, la band ha scelto lui

Dopo oltre un mese di attesa ed ipotesi, in cui la band romana è rimasta, a tutti gli effetti, senza un manager ora la notizia è ufficiale. Sarà la Exit Music Management di Fabrizio Ferraguzzo a rappresentare i Maneskin.

La società è appena nata, venendo ufficialmente alla luce sui social proprio lunedì 26 luglio. Ma quello di Fabrizio Ferraguzzo è un nome noto nel settore discografico quanto nel percorso dei Maneskin. E infatti è con loro che la società esordisce sul mercato, annunciando sul profilo Instagram ufficiale: «Exit Music Management nasce oggi. I Måneskin sono i primi artisti rappresentati». Ferraguzzo, produttore musicale, A&R per Sony Music Italia e direttore musicale di X Factor, di fatto lavora con i Maneskin da anni.

Da Marta Donà a Fabrizio Ferraguzzo

Dopo 4 anni di collaborazione (in un’escalation di successi e lavoro mirato che li ha portati in vetta: questo è un dato di fatto), il 4 giugno i Maneskin hanno ufficialmente abbandonato LaTarma Management. Il commento di Marta Donà era arrivato, quasi incredulo, proprio sul suo account Instagram: “Abbiamo trascorso 4 anni indimenticabili pieni di sogni da esaudire e di progetti realizzati. Io vi ho portato fino a qui. Da adesso in poi avete deciso di proseguire senza di me. Ho il cuore spezzato ma vi auguro il meglio dalla vita ragazzi”.

Un annuncio inaspettato, praticamente in concomitanza alla vittoria all’ESC 2021, e dunque accolto con una certa perplessità da parte del pubblico. Mantenendo grande riserbo sulla questione, la band ha iniziato a scalare le classifiche internazionali in preda alla febbre da Eurovision, e di fatto senza un manager alle spalle. Almeno non ufficialmente. Tra i vari nomi ipotizzati, i più discussi sono stati quelli di Clemente Zard e Simon Cowell (ex manager degli One Direction). Tuttavia nessuno aveva tirato in ballo Ferraguzzo che invece, con il senno del poi, non ha smesso di seguire e promuovere la band neanche per un attimo (ritwittando da mesi ogni loro record). Particolarmente attivo nell’ambito del pop italiano, e occupandosi per Sony proprio degli artisti e del repertorio dell’etichetta, se Donà ha portato i Maneskin fin qui, ora starà a lui spingerli davvero oltre. E non sembra un gioco da ragazzi.

 

Privacy