Primo PianoRoyal Family

Kate e William arriva la decisione su baby George dopo Euro 2020: “Sono furiosi”

I Duchi di Cambridge sono preoccupati e addolorati: problemi per il compleanno del piccolo principino

La finale di Euro 2020 ha deluso gli inglesi e questo è un fatto. Tuttavia, sembra che oltre al danno, ci sia stata la beffa: arriva una reazione molto forte da parte di Kate e William, già sotto accusa per non aver salutato il Presidente Sergio Mattarella al termine della gara. I Duchi di Cambridge sarebbero rimasti particolarmente delusi e amareggiati per aver visto il volto dall’espressione triste del piccolo George protagonista di centinaia di meme sui social. Pur essendo un membro della famiglia reale e per questo costantemente esposto, George è pur sempre un minore. I genitori non ritengono più opportuno che si faccia un uso così smodato delle sue foto. A tal proposito, avrebbero preso una decisione sorprendente.

William e Kate furiosi per le foto di George: Angela Levin rivela cosa faranno i Duchi di Cambridge

L’esperta reale Angela Levin ha rivelato che Kate e William sarebbero in procinto di prendere una decisione importante sulla diffusione delle foto del piccolo George. Levin ha dichiarato al Daily Mail: “Mi è arrivata voce che quest’anno i Cambridge potrebbero non pubblicare un nuovo ritratto di George in occasione del suo ottavo compleanno. Perché sono molto infastiditi dalla maleducazione della gente che si burla di un bambino di soli 7 anni”. Dunque Kate e William sarebbero particolarmente amareggiati per gli sfottò pubblicati sui social che hanno per protagonista il loro primogenito. A risentirne dunque sarà l’account Instagram dei Duchi che quest’anno, in occasione dell’ottavo compleanno di George, non vedrà la pubblicazione di una sua foto. Non sono ancora state divulgate note ufficiali. Perciò si dovrà attendere il prossimo 22 luglio – il giorno in cui ricorre l’anniversario della nascita di George – per capire se effettivamente Angela Levin abbia ragione o se si tratti di congetture e sentito dire.

Privacy