Cheesecake ai mirtilli senza cottura: il dolce fresco per l’estate

La ricetta della cheesecake ai mirtilli

I dolci estivi preferiti da tutti sono quelli freschi, leggeri e dal sapore fruttato. Per questo motivo non c’è nulla di più adatto di una cheesecake ai mirtilli freschi, senza cottura e con una base di delicato mascarpone. La realizzazione è davvero molto semplice e bastano pochi minuti per creare un dessert che fa felici davvero tutti: ecco la ricetta.

Cheesecake ai mirtilli senza cottura: gli ingredienti

Per preparare una cheesecake ai mirtilli freschi, senza cottura e con una base di delicato mascarpone servono ingredienti semplici. Ecco le dosi per uno stampo di media grandezza:

Il procedimento semplice e veloce

Per preparare una cheesecake ai mirtilli bisogna cominciare dalla base. Sbriciolate i biscotti e amalgamate la granella con il burro precedentemente fuso. Spalmate il composto sulla base di una tortiera a gancio e riponete in frigorifero. Intanto mettete i fogli di gelatina a mollo nell’acqua fredda. In un pentolino versate metà dei mirtilli con l’acqua e 3 cucchiaini di zucchero e fate cuocere per circa 10 minuti. A termine della cottura filtrate il tutto ed unitelo a metà della gelatina strizzata. Amalgamate per bene e mettete da parte. In un altro pentolino scaldate il latte e a fuoco spento aggiungete l’altra metà della gelatina. In una terrina mescolate il mascarpone con lo yogurt, lo zucchero e la panna montata. Dividete questo composto in due metà: in una aggiungete il succo di mirtillo filtrato, nell’altra, invece, amalgamate il latte con la gelatina. In questo modo avrete ottenuto due creme diverse. Prendete la teglia con la base e versate prima la crema al latte, riponete in frigo e lasciate raffreddare per 3 ore. Trascorso questo tempo, versate sopra anche la crema di mirtilli e riponete in frigorifero per un paio d’ore. Una volta rassodata decorate la cheesecake in superficie con tutti i mirtilli rimasti.

LEGGI ANCHE: Sangiovanni, il lungo sfogo sui social dopo l’attacco in strada: “Non siamo liberi di essere come vogliamo”

Exit mobile version