Curiosità

Francesco Renga, ecco a chi è dedicata la sua canzone “Angelo”

Una canzone speciale per l'amore più grande della sua vita

Le canzoni di Francesco Renga fanno ormai parte del patrimonio musicale del nostro Paese. La sua carriera, ormai attiva da anni, continua a sorprenderci e a regalarci brani emozionanti e bellissimi. La sua voce è senza ombra di dubbio profonda e particolare: quando alla radio inizia un suo pezzo è impossibile non riconoscerlo. Oggi questo grande cantautore compie 53 anni e sicuramente starà festeggiando questa giornata speciale insieme a tutti i suoi affetti.

Francesca Renga non ha mai nascosto l’amore incondizionato che prova per i suoi figli. Vi ricordate il brano che ha vinto il Festival di Sanremo nel 2005? Stiamo parlando di Angelo, una canzone d’amore che ancora oggi continua a fare la storia. Questo pezzo è dedicato alla sua primogenita, Jolanda.

Una dedica speciale

Jolanda, avuta insieme all’attrice Ambra Angiolini, ormai è una giovane donna. Nel 2005, durante il Festival musicale più famoso d’Italia, Francesco Renga volle dedicare Angelo proprio a lei. Il brano è dolcissimo ed è una vera e propria preghiera che il cantante fa ad un angelo, in grado di proteggere la sua bambina, ancora così pura e ingenua. “Angelo, prenditi cura di lei / Lei non sa vedere al di la di quello che da / E l’ingenuità è parte di lei…” Ascoltando il brano di cui Maurizio Zappatini è coautore, è possibile immediatamente riconoscere una dolcezza smoderata e un amore incontrastabile. È proprio con Angelo che Francesco Renga riuscì trionfare a Sanremo: un’emozione unica. L’angelo che Renga prega nella canzone sembrerebbe essere sua madre, scomparsa quando lui era ancora un bambino. Il nome della figlia è un ulteriore omaggio alla mamma, poiché anche lei si chiamava Jolanda.

È passato un bel po’da quella cinquantacinquesima edizione di Sanremo, ma ancora oggi Angelo è uno dei brani più ascoltati del cantautore. Renga si perde spesso in momenti nostalgici e ogni tanto posta sui suoi canali social ricordi e foto.

 

LEGGI ANCHE: Mahmood si racconta: “Da bambino un bullo mi ha…”

Privacy