Chicche di Velvet

David Bowie, la volta in cui rifiutò il titolo di Baronetto dalla Regina Elisabetta: ecco perché

Non tutti sognano un titolo nobiliare: le dichiarazioni del Duca Bianco

David Bowie è un artista immortale. La sua musica continua ancora oggi a fare battere il cuore di tantissime persone, che magari sono proprio cresciute insieme alla sua arte. Oggi, 5 giugno, si può inoltre festeggiare il debutto dell’artista nel mondo della musica. Il Duca Bianco tuttavia non è stato solo un grande cantante e un polistrumentista: ha lavorato anche nel mondo del cinema al fianco di grandi registi come Martin Scorsese, David Lynch e Christopher Nolan. Ovviamente il successo incredibile di Bowie è stato accompagnato da molte onorificenze. Nel 2008 ad esempio fu inserito da Rolling Stone al ventitreesimo posto nella classifica dei 100 migliori cantanti di sempre. Non è finita qui, perché questo eclettico personaggio riuscì a conquistare anche la Regina Elisabetta.

Nel 2003 infatti l’Eccellentissimo Ordine dell’Impero Britannico volle regalare a Bowie uno dei titoli più importanti che esistano: quello di Cavaliere. Tuttavia l’artista rifiutò il titolo da Baronetto e cercò di spiegarne al mondo il motivo.

Un titolo rifiutato: le ragioni

Come detto, ormai diversi anni fa, David Bowie rifiutò il titolo che la regina Elisabetta avrebbe voluto donargli. Il cantante spiegò immediatamente il motivo per cui ha rinunciato, lasciando moltissimi suoi ammiratori senza parole. Al contrario di Paul McCartney e Mick Jagger l’artista infatti non ebbe mai la smania di entrare nelle “grazie” della Casa Reale.

Al riguardo David Bowie affermò: “Non potrei mai e poi mai accettare qualcosa come questa. Veramente non capisco a cosa serva. Non è quello a cui ho dedicato l’intera mia vita”.
Il Duca Bianco non aveva mai pensato di poter ricevere un titolo nobiliare, probabilmente proprio perché aveva dedicato la sua vita alla musica senza troppe pretese. Quando la regina Elisabetta e il resto della Casa Reale seppe del rifiuto di Bowie certamente ci fu un po’di imbarazzo. In effetti è successo veramente poche volte nella storia che qualcuno rifiutasse un titolo di tale calibro.

 

LEGGI ANCHE: Chi è Gazzelle: vero nome, vita privata e curiosità sul cantautore romano

Privacy