Cose da VipPrimo Piano

Boris Johnson non arriva a fine mese? “Troppo povero per fare il premier”

Il primo ministro inglese avrebbe problemi finanziari

Il primo ministro inglese, Boris Johnson, è al centro del dibattito pubblico. Promotore della Brexit, il politico ha ultimamente attirato l’attenzione di tutti a causa di alcune voci che lo vedrebbero sul lastrico. Secondo una fonte vicina a lui, che ha deciso di rimanere anonima, Johnson starebbe attraversando gravi problemi finanziari, dovuti in larga misura sia al suo divorzio che alle spese per i suoi sei figli. A riportare l’indiscrezione sul premier britannico è stato il Sunday Times, che si è messo in contatto con un consigliere vicino a lui. “Troppo povero per fare il primo ministro” – queste sono state le parole riportate sul settimanale.

Boris Johnson è povero? Il primo ministro inglese pieno di debiti, secondo il Sunday Times

A seguito del divorzio dall’ormai ex moglie Marina, pare che ormai il primo ministro non se la stia passando bene dal punto di vista economico. La separazione dalla donna pare gli sia costata, infatti, circa metà del suo patrimonio, calcolato approssimativamente in 6,5 milioni di sterline. A ciò si aggiunge anche il salaria, decisamente minore rispetto a quando ricopriva il ruolo di opinionista presso il Telegraph. Boris Johnson è infatti passato da un salario di 300 mila sterline alle 150 mila lorde attuali.

Fidanzato ora con Carrie Symonds, attualmente in dolce attesa, il premier britannico avrebbe inoltre affrontato alcune spese pazze, per ristrutturare la propria abitazione. Stando ad alcune fonti, infatti, Johnson avrebbe deciso di rivestire di una tappezzeria dorata le mura dell’appartamento, situato presso l’11 di Downing Street. Stando alle voci, pare inoltre che l’operazione abbia richiesto ben oltre 88 mila sterline. A ciò si aggiungerebbero, inoltre, le 250 mila sterline per gli arredamenti di design, in netta rottura con lo stile della precedente proprietaria, Theresa May. Insomma, un tenore di vita che, a detta della fonte a cui si è affidata il Sunday Times, è ben oltre la portata effettiva di Boris Johnson, il quale sarebbe costantemente ora sotto ricatto.

LEGGI ANCHE: Valeria Marini a Supervivientes la combina grossa: “La mia pipì è fatta di gocce di Chanel”

 

Privacy