Ultimissime

Bill e Melinda Gates annunciano il divorzio dopo 27 anni di matrimonio: ma cosa succede nella vita di un miliardario dopo la separazione?

Cosa accade nella vita dei miliardari quando finisce un matrimonio

Durante l’ultimo anno e mezzo Bill Gates si è reso protagonista di una serie di interventi pubblici dall’impatto mediatico importante. In tempi non sospetti e con il senno di poi, le sue parole in merito a un virus che avrebbe messo k.o. l’umanità sono parse profetiche prima, agghiaccianti poi. Che sia uno degli uomini più influenti al mondo non è un mistero, anzi. Fa sempre una certa impressione guardare alla vita di Bill Gates, al suo operato, alle sue invenzioni. Per molti è un’ispirazione, per altri un uomo sì capace, ma anche oscuro, detentore di un segreto inconoscibile. La sua vita sentimentale, invece, difficilmente è stata oggetto dei tabloid; tuttavia, nelle ultime ore, qualcosa è cambiato. Bill e Melinda Gates hanno annunciato il divorzio dopo 27 anni di matrimonio. Fin qui nulla di strano – le storie d’amore finiscono dalla notte dei tempi – se non fosse che stiamo facendo riferimento a una delle coppie più potenti al mondo. Ma cosa succede nella vita di un miliardario quando finisce un matrimonio?

Bill e Melinda Gates annunciano il divorzio dopo 27 anni di matrimonio: ma cosa succede nella vita di un miliardario dopo la separazione?

Dopo l’annuncio, l’opinione pubblica mondiale è rimasta di stucco e ha iniziato a chiedersi, banalmente, come si gestisca un patrimonio così imponente in tali circostanze. Ma non solo, c’è anche chi si domanda come si affronti la questione a livello mediatico. Già di per sé un divorzio, agli occhi di chi guarda, è sinonimo di un fallimento; per i personaggi pubblici, spesso, diventa una macchia indelebile che non va mai via, nemmeno con il passare degli anni. Lo sa bene Donald Trump. Durante l’ultimo anno l’ex Presidente degli Stati Uniti ha non solo dovuto fare i conti con una pesante sconfitta politica, ma ha anche fronteggiato i numerosi attacchi dei media di settore che speculavano su un possibile divorzio da Melania. Mettiamola così, per adesso la coppia regge e sembrerebbe proprio che Trump l’abbia scampata. Nessuna gogna mediatica. D’altra parte, ha ancora da scrollarsi da dosso un passato sentimentale difficile. Nel 1992 finiva la storia tra Donald Trump e la ex moglie Ivana; un divorzio turbolento, doloroso e oneroso – è stato raggiunto un accordo da 25 milioni di dollari – che non ha certo reso semplici le cose né all’uomo, né all’imprenditore miliardario.

Anzi. Donald ha dovuto schivare diversi colpi, ma non sempre ci è riuscito. Ivana ha reso note le ragioni del divorzio: ha raccontato di essere stata tradita in maniera brutale, di non aver avuto altra scelta che smettere di amare l’uomo che aveva accanto. È arrivata a una lite pubblica bestiale ad Aspen con Marla, la mela della discordia, rimasta negli annali. Il divorzio ha lasciato strascichi, ha fatto sì che anche gli affari, per un periodo, prendessero una piega negativa. Dall’altra parte, quando succede, accadono inesorabilmente due cose: lui diventa il mostro traditore, incapace di gestire gli istinti. Lei, invece, l’arrivista che punta al patrimonio. E così non solo si distrugge la figura del personaggio pubblico, ma anche la dignità delle persone coinvolte. Una brutta storia.

Bill come Donald? Come stanno davvero le cose

Tornando a Bill e Melinda, insieme hanno spiegato che tra loro non funziona più, che “qualcosa si è rotto”. Un modus operandi che intende evitare che vengano affibbiate delle colpe; come se si stesse parlando di un processo quasi naturale. Quando qualcosa si rompe, si può provare a rimetterla insieme ma non è detto che possa funzionare. Toccherà adesso scoprire come il mondo deciderà di metabolizzare la separazione, come l’economia deciderà di accogliere questa notizia. Se sulle prime si può pensare che si tratti di una mera gossipata, magari solo più international, sappiate che dietro c’è molto, ma molto di più.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Melinda French Gates (@melindafrenchgates)

Privacy