Chicche di Velvet

Meghan Markle assente dai funerali di Filippo: come sta andando la gravidanza, perché non può viaggiare?

I medici le hanno consigliato di stare a riposo

Meghan Markle è in dolce attesa di una bambina e non parteciperà ai funerali del principe Filippo – che si terranno oggi pomeriggio alle ore 15 locali. La moglie di Harry è rimasta in California, perché i medici le avrebbero sconsigliato di viaggiare, per non affaticarsi troppo.

Meghan Markle: come procede la sua gravidanza, perché deve stare a riposo?

Meghan Markle incinta è rimasta nella villa di Montecito, per riposare con il suo pancione e stare lontana da ogni tipo di stress (probabilmente anche mediatico). Non sappiamo esattamente di quanti mesi sia lei. La coppia, nel loro annuncio ufficiale, ha detto che Archie diventerà fratello maggiore della piccola entro l’estate. Se facciamo due conti, quindi, Meghan dovrebbe essere tra il quinto e settimo mese di gestazione. Al di là delle ipotesi che sostengono l’assenza di Meghan concordata dalla casa reale, ci si sta chiedendo come stia andando la gravidanza della duchessa di Sussex e perché non può viaggiare. Quel che sappiamo è che Meghan Markle è reduce da un aborto spontaneo al quale poi, fortunatamente, ha fatto seguito il lieto evento. Non abbiamo dettagli sul decorso della gravidanza, tuttavia visto il lungo viaggio e il contesto di rischio Covid, la scelta di rimanere a casa è più che comprensibile.

Durante una gravidanza è vero che si può viaggiare, ma medici ed esperti raccomandano di considerare ogni donna come un caso a sé. Se Meghan è davvero al settimo mese – dunque nel terzo trimestre –  è possibile che i medici le abbiano sconsigliato di viaggiare in aereo. Infatti, gli ultimi tre mesi rappresentano una fase più delicata nella donna incinta, specialmente se ci sono a monte delle patologie. Ad esempio, se abbiamo dei problemi di ipertensione insorti durante la gravidanza, il diabete gestazionale o il distacco della placenta è meglio evitare il viaggio. Anche la scomodità della postura sul mezzo di trasporto – che provoca sollecitazioni su schiena e utero- può arrecare un rischio di parto prematuro. Se aggiungiamo il rischio del Covid – le donne in gravidanza non possono ancora essere protette dalla vaccinazione – è chiaro che un riguardo in più non guasta.

LEGGI ANCHE: Cecilia Rodriguez di nuovo al Grande Fratello Vip? “Mai dire mai…”: cosa è successo

Privacy