Detto da loro

Natalia Titova, l’amore per Massimiliano Rosolino e la malattia: “Dovevo combattere sempre”

Natalia Titova e Massimiliano Rosolino sono stati ospiti a “Oggi è un altro giorno” il salotto televisivo di Serena Bortone. La ballerina si è raccontata e ha parlato della sua storia d’amore ma anche della sua malattia con cui convive ormai da tantissimo tempo. La Titova è riuscita a far sciogliere il cuore dell’ex campione di nuoto. Si sono conosciuti a “Ballando con le stelle” nel 2006 e proprio lì è scattata la scintilla. Ai microfoni della Rai Natalia Titova ha raccontato un particolare curioso sugli inizi della sua storia d’amore: “Mia mamma, quando lo ha visto la prima volta, ha detto: ‘Sarà bello, ma non è per te‘ “. Nonostante ciò la coppia è affiatata più che mai e dal loro amore sono nate due figlie, Sofia Nicole e Vittoria Sidney.

Natalia Titova e l’osteomielite: “C’era qualcosa che non andava…”

La vita della ballerina non è sempre stata semplice. Soffre di una malattia particolare sin da quando era piccola. L’infanzia di Natalia Titova è stata segnata dall’osteomielite che coinvolge le ossa. È lei stessa a raccontare nel dettaglio la malattia e dichiara: “Sono nata con un ginocchio che non si muoveva, volevano mettermi un gesso ma mia nonna ha deciso di farmi visitare da un grande professore. Lui ha detto che dovevano operarmi immediatamente perché avevo un’infezione che mi stava mangiando l’osso“. Lo sport le era stato vietato ma ha sempre tenuto duro e rivela: “Sono cresciuta nel periodo del regime sovietico e dovevo combattere sempre, anche se stavo male. È un lavaggio del cervello, il dover essere migliori e andare avanti. Ho fatto di tutto: pattinaggio, pallavolo, sci, danza. Ero contenta di farlo, però sentivo che c’era qualcosa che non andava“. Natalia Titova ha dovuto affrontare molti ostacoli per avere un futuro così brillante e non ha mai rinunciato alla sua più grande passione. La stessa che le ha portato l’amore anche se l’esperienza a Ballando con le stelle è terminata definitivamente.

Privacy