Curiosità

Brucia un milione di dollari per non dare mantenimento all’ex moglie ma…

Un 55enne canadese è ricorso all'assurdo metodo pur di non corrispondere l'assegno mensile

La vicenda ha avuto luogo a Ottawa, in Canada. Pur di non concedere il mantenimento all’ex moglie, un 55enne uomo d’affari ha deciso di bruciare un milione di dollari canadesi. Lo avrebbe dichiarato in tribunale, così da evitare di rispettare l’accordo previsto per la sentenza di divorzio. Ecco cosa è successo.

Un milione di dollari bruciati per non dare il mantenimento all’ex moglie

Come Hollywood insegna, non sempre esiste il lieto fine. Anzi, molto spesso ci capita di assistere a ciò che potenzialmente accade dopo, una volta che l’amore finisce. Non rado capita che l’avidità, mossa da un pizzico di cattiveria nei confronti dell’ex coniuge, spinga a compiere azioni azzardate. Talvolta la realtà riesce addirittura a superare la finzione cinematografica. È proprio questo il caso. Bruce McConville è un 55enne canadese, prossimo al divorzio con la moglie. In base agli accordi di divorzio stabiliti dal tribunale, l’uomo avrebbe dovuto versare un assegno di mantenimento per la donna. Questo perché a McConville risultavano intestati circa un milione di dollari canadesi, in sei conti diversi. “Risultavano”, esattamente, dal momento che l’uomo ha dichiarato di aver bruciato l’interna somma. Ecco cosa ha affermato in seguito

Brucia un milione di dollari: le sue parole

Per evitare la sentenza che lo avrebbe obbligato a corrispondere un assegno mensile di mantenimento all’ex moglie, l’uomo ha bruciato i suoi soldi. McConville ha quindi ritirato da sei diversi conti il totale di un milione di dollari canadesi (circa 700mila euro), al quale ha ammesso di aver dato fuoco. L’uomo ha dichiarato di avere le ricevute che attestavano i prelievi, tuttavia non poteva provare di aver effettivamente bruciato le banconote. Chiamato a rispondere circa le motivazioni che lo avrebbero spinto al gesto estremo, il 55enne ha così commentato: “Non è una cosa che farei normalmente, non sono una persona estremamente materialista. Con poco cerco difare molto. Sono sempre stato frugale. Ecco perché la mia attività è durata 31 anni“.

Nonostante abbia ammesso di aver agito per istinto, andando contro gli interessi dei figli, l’uomo ha dichiarato che è tutto vero. Il giudice, tuttavia, non sembra averla presa bene. McConville ha infatti ricevuto una condanna a 30 giorni di reclusione per oltraggio alla corte. Qualora si scoprisse che ha effettivamente nascosto un milione di dollari, invece di bruciarli come ha ammesso, potrebbe andare incontro a pene più severe.

Back to top button