DichiarazioniPrimo Piano

Roby Facchinetti, le ultime parole di Stefano D’Orazio: “Ho il Covid, ma…”

Sono trascorse due settimane dalla morte del noto batterista dei Pooh, Stefano D’Orazio. Tutto quello che in questi lunghissimi anni l’artista ha dato al pubblico attraverso la sua musica, viene oggi ricordato non solo dai numerosissimi fan ma anche da chi ha condiviso negli anni il suo stesso palco, l’emozione del successo e le infinite giornate nelle sale di registrazione.

Al Maurizio Costanzo Show Roby Facchinetti, che ha trascorso la sua vita al fianco del compianto artista, come il resto dei componenti dei Pooh torna a parlare sulla morte di Stefano D’Orazio. Lo ha omaggiato cantando uno dei suoi ultimi brani musicali dal titolo ‘Rinascerò Rinascerai’. Ha ripercorso i momenti più belli fino ad arrivare al giorno in cui Stefano D’Orazio disse addio alla band.

“Dal suo punto di vista, aveva detto tutto quello che c’era da dire” – racconta Facchinetti negli studi di Canale 5. “Con grande onestà, decise di uscire dalla band e fu molto pesante per tutti. Abbiamo vissuto l’avventura più bella della nostra vita.”

L’ultima telefonata

Nessuno si sarebbe aspettato una morte così repentina di Stefano D’Orazio lasciando senza parole gran parte dei fan nel pieno della seconda ondata del Covid-19. Ma purtroppo è successo e la tristezza si percepisce oggi negli occhi dei numerosissimi seguaci e appassionati fan dei Pooh e di chi lo ha conosciuto più da vicino.

Durante l’intervista al Maurizio Costanzo Show Roby Facchinetti, nel ricordo del suo caro amico racconta al conduttore e al pubblico la sua straziante e ultima telefonata.

“Ho il Covid, ma non ti preoccupare perché tutto il resto va bene” – gli aveva detto d’Orazio poco prima di morire.

LEGGI ANCHE: Meghan Markle ha perso il secondo figlio: “Un dolore insopportabile, parlatene”

Back to top button