Sentiva pungersi come degli spilli, corre in ospedale: gli trovano 40 coltelli nel…

La vicenda è ambientata ad Amritsar nello Stato del Punjab. Una storia che ha dell’incredibile che vede come protagonista un indiano di mezza età.

L’operazione sconvolgente

Durante una mattina un agente ha manifestato dei forti dolori al ventre. Dopo i primi accertamenti di routine i medici dell’ospedale Amritsar Corporate Hospital hanno identificato una massa tumorale. Le ecografie non avevano rivelato nessun tipo di anomalia causata da corpi estranei. Solo dopo una tomografia sono arrivati ad una scoperta incredibile. Jatinder Malholtra il capochirurgo dell’ospedale, ha voluto procedere con un intervento chirurgico. Aperto il corpo sono stati estratti 40 coltelli dallo stomaco.

I coltelli erano stati ingeriti dal paziente volontariamente. I corpi estranei, estratti uno dopo l’altro erano sia aperti con una lunghezza di 18 cm e sia chiusi. Il medico, nonostante, i diversi anni di carriera nell’ospedale non aveva mai visto niente di simile. Quale sarà stato il motivo  che ha spinto il poliziotto ad ingerire questi coltelli? 

La durata dell’operazione è stata di 5 ore, infatti, i chirurghi all’uscita erano distrutti ma soprattutto sbigottiti. Alla fine dopo una perizia psichiatrica si è compreso il motivo di questo gesto estremo. L’uomo è affetto da diversi disturbi psichiatrici. Dopo la lunga convalescenza i medici hanno chiesto all’uomo in quanto tempo ha ingerito i coltelli e l’uomo con molta tranquillità ha risposto “due mesi”.