GF Vip, Antonella Elia torna al fianco di Alfonso Signorini: la decisione

Dopo mesi di trattative, indiscrezioni e cambi di direzione, sembra che il GF Vip abbia finalmente trovato la propria opinionista, a ricoprire il ruolo che fu di Wanda Nara affiancando Pupo alle spalle di Alfonso Signorini. E non sarà, come emerso nelle ultime ore per l’agitazione e la curiosità dei fan, Elettra Lamborghini; la cantante era effettivamente stata in cima alla lista per qualche giorno, prima che un ulteriore cambio di rotta riportasse in testa alle preferenze quella che a quanto pare sarà la protagonista definitiva dell’edizione: Antonella Elia.

Cambio di programma improvviso: non sarà Elettra Lamborghini, ma Antonella Elia ad affiancare Signorini e Pupo per il prossimo GF Vip

Secondo Blogo, la scelta sarebbe partita direttamente da Alfonso Signorini, che trovatosi a scegliere in queste ore per il ruolo di opinionista del suo prossimo GF Vip non avrebbe avuto dubbi, virando in maniera definitiva su Elia. Una scelta arrivata a poche ore da quella che voleva Lamborghini favorita, e che ha ribaltato forse definitivamente le carte in tavola; dopo aver vagliato l’ipotesi di un doppio ruolo per entrambe le candidate, il presentatore del reality si sarebbe esposto per assegnare definitivamente il ruolo alla sua protetta, per quella che a questo punto è sarà la versione semi-ufficiale della nuova stagione.

Si tratta di un traguardo notevole per Antonella Elia, che con la sua seconda partecipazione al GF Vip di questo 2020 si appresta a questo punto a chiudere un anno straordinario dal punto di vista della visibilità. Dopo averla fatta da padrona la scorsa edizione come concorrente, l’attrice si è imposta con successo nel redivivo Temptation Island; ad appena due settimane dalla fine del secondo reality, la notizia del ritorno da Signorini in qualità di opinionista. Un passo importante in direzione di un’ennesima affermazione televisiva, stavolta sul piano della conduzione.

LEGGI ANCHE GF Vip, Elettra Lamborghini al posto di Wanda Nara: l’indiscrezione