Curiosità

Mangia pesce confezionato e finisce in ospedale: nel piatto trovano un…

Una serata tra amici finita nel peggiore dei modi: in ospedale. Un giovane infatti mangia il pesce confezionato acquistato e si sente male. Benché in un primo momento tutti hanno pensato ad una reazione allergica o allo stato di mal conservazione del cibo, in realtà il motivo del malessere era tutt’altro. Infatti non si trattava del pesce in sé ma di un “corpo estraneo” presente nel piatto. Preso da improvvisi attacchi di vomito e nausee, il ventiseienne padrone di casa, ha dovuto mettere fine drasticamente alla cena con i suoi amici.

Dopo aver comprato il pesce confezionato il pomeriggio al supermercato, il giovane aveva deciso di preparare una cena per i suoi amici. Peccato però che il suo piatto non contenesse solo cibo.

Il disgusto per il corpo estraneo nel pesce confezionato

Improvvisi attacchi di vomito e nausee hanno allarmato il giovane. Temendo che il cibo a base di polpo e altri pesci potesse creare problemi agli altri commensali ha verificato con attenzione il contenuto del suo piatto. Poco dopo la scoperta agghiacciante nella confezione di pesce confezionato c’era un mozzicone di sigaretta, finito proprio nel pasto del ventiseienne. A quel punto, temendo che la sensazione di nausea potesse essere legata a un problema allo stomaco il giovane ha deciso di recarsi presso un pronto soccorso per verificare il suo stato di salute. Il piatto alterato dal mozzicone di sigarette avrebbe potuto causare danni agli organi del malcapitato; per fortuna però, giunto in ospedale, i medici hanno fatto tutti i controlli del caso. Il ragazzo era in ottima salute e il vomito era dovuto solo allo sdegno derivato dalla disgustosa scoperta (senso di nausea che aveva colpito del resto anche gli altri commensali). Evitato ogni rischio per la salute, il ventiseienne ha deciso di sporgere denuncia presso le forze dell’ordine, con l’intento di richiedere anche un risarcimento danni.

Back to top button