Arrivano pacchi misteriosi ai cittadini americani: dentro ci sono dei semi… “Non aprite perché…”

Ancora in piena emergenza Coronavirus, negli Stati Uniti e in Canada centinaia di cittadini hanno iniziato a ricevere dei misteriosi pacchi. Apparentemente provenienti dalla Cina, i piccoli pacchi hanno sorpreso i destinatari per ciò che contenevano al loro interno. Al contrario dell’etichetta che indicava il contenuto di giocattoli o gioielli, una volta aperti hanno rivelato la presenza di misteriosi semi.

Il mittente sconosciuto e il contenuto non ben identificabile ha fatto scattare l’allarme dei cittadini. Di fronte le molte segnalazioni, diversi Stati hanno iniziato ad emettere degli avvisi informando i cittadini di non aprire alcun tipo di pacco sospetto. In particolare, i dipartimenti dell’Agricoltura degli Stati Uniti hanno chiesto ai cittadini di non mangiare i semi e di evitare assolutamente la coltivazione. I dipartimenti hanno inoltre allertato chiunque abbia ricevuto i pacchi a non buttare i semi nella spazzatura, per evitare il rischio di contaminare l’ambiente.

Semi non identificabili

I semi ancora non identificati, una volta dispersi nell’ambiente potrebbero recare un grave danno alla natura circostante. In un comunicato stampa dei funzionari dell’agricoltura statale della Virginia c’è sottolineato quanto potrebbe essere dannoso l’uso di semi nocivi: “Le specie invasive provocano il caos nell’habitat, spostano o distruggono piante e insetti che danneggiano gravemente le colture”. I semi potrebbero facilmente introdurre delle malattie sconosciute nelle piante locali, arrivando addirittura a danneggiare il bestiame.

I Dipartimenti agricoli si stanno operando per impedire l’introduzione di questi strani pacchi. Non è però ancora chiaro chi sia il mittente e soprattutto se effettivamente si tratta di uno scherzo o di un atto di bio-terrorismo agricolo.

Truffa online

Sono molte le ipotesi che circolano in merito alla spedizione dei misteriosi pacchetti. L’ipotesi più plausibile è che si tratti di una truffa legata ai siti online. Secondo il Dipartimento, dietro la spedizione dei pacchetti si nasconde una truffa legata a chi effettua acquisti online.