Trovato il diario segreto di Michael Jackson: la sua più grande ossessione era…

A distanza di 11 dalla scomparsa di Michael Jackson è stato trovato e aperto il diario segreto del “Re del Pop”. Tra le pagine alcuni contenuti inediti, che svelano la più grande ossessione dell’artista morto nel 2009. Dalle parole, presumibilmente scritte dall’idolo di tante generazioni, è stato scritto un libro postumo. Scoperti retroscena e segreti che hanno accompagnato la vita ed i sogni del cantante.

Pare, secondo le indiscrezioni raccolte nel libro, che Michael Jackson durante la sua vita ha “lavorato” per il raggiungimento di un unico grande obiettivo, oggi reso noto.

L’ossessione di Michael Jackson

In esclusiva sul Mirror sono pubblicati alcuni stralci del nuovo “libro-verità” che rivelerebbe la più grande ossessione del Re del Pop scomparso nel 2009. Secondo quanto si legge, Michael Jackson era convinto a voler diventare immortale. Pare che l’artista, poco prima di morire, si fosse posto come obiettivo quello di conquistare anche Hollywood. Sul Mirror si legge “E diventare il primo artista-attore-regista multimiliardario“. Secondo le indiscrezioni, raccolte sembra dal suo diario segreto, Jackson desiderava diventare una star del cinema. Si legge ancora: “Era ossessionato dall’essere il migliore di sempre e diventare immortale“. Diventare un “prodotto umano”. Sul diario di Michael Jackson pare ci fossero descritti alcuni dettagli precisi sul modo in cui l’artista voleva realizzare il suo sogno-ossessione. Guadagnare 20 milioni di dollari a settimana (questo quanto si legge) e per raggiungere questa cifra aveva stilato una lista di collaborazioni illustri. Tra queste anche alcuni concerti per il Cirque du Soleil e diversi film di Hollywood. Forse l’artista è venuto a mancare prima di realizzare il suo sogno, ma pare che tuttavia un senso di “immortalità” lo accompagna ancora adesso a distanza di 11 anni dalla sua scomparsa. Michael Jackson è infatti ancora oggi, per tanti, l’indiscusso Re del Pop.

LEGGI ANCHE: Michael Jackson, mistero sulle ceneri: il dettaglio inquietante delle tre collane