Gianfranco Vissani, lo chef infuriato in diretta: “Così ci lasciate morire”

Da tempo, Gianfranco Vissani fa presente ad ogni apparizione pubblica lo stato complicatissimo nel quale versano le sue attività, e il mondo della ristorazione in generale. Il popolare chef umbro, presente come volto fisso a Masterchef e reso popolare dal suo atteggiamento sopra le righe, ha spesso ricordato al mondo politico i doveri nei confronti del settore terziario; appunti cui però non è seguita nessuna risposta, né alcun provvedimento fiscale in merito. Ospite di Stasera Italia, il cuoco e personaggio tv ha allora deciso di prendere personalmente parola in merito; scatenandosi in una sfuriata in grado di mettere alle corde la conduttrice Veronica Gentili.

“La gente sta morendo, non avete più scuse”: uno scatenato Gianfranco Vissani contro il mondo della politica a Stasera Italia

Gianfranco Vissani era dunque intervenuto durante il talk per confrontarsi con il deputato Italia Viva Gennaro Migliore. L’argomento era logicamente quello della ripresa economica ed imprenditoriale; una questione che il cuoco ha affrontato con tutta la frustrazione del momento. “Parlano di numeri e non ci capiscono niente“, ha tuonato Vissani di fronte all’attonito Migliore. “Dove sono i soldi che arrivano continuamente? Per prendere 10mila euro l’ufficio delle entrate chiede soldi. Ma come? Fate i giochetti con la carta che vince e quella che perde. Noi non vediamo niente, è una vergogna. Dite la verità, non queste stupidaggini“.

Una sfuriata a cui poco sono serviti i tentativi di Genitle nel riportare l’ordine in studio: Gianfranco Vissani ha infatti proseguito, accusando direttamente il governo della situazione drammatica nella quale versa il settore. “State a guardare, così lasciate morire l’Italia“, ha tuonato Vissani. “Questi teatrini bisogna finirli. Bisogna fare sul serio, altro che cento miliardi. A settembre ci troveremo tutti a Roma. La gente sta morendo, non ci sono più scuse“.

LEGGI ANCHE Gianfranco Vissani ad Al Bano: “Vieni a mangiare da me”