Laura Chiatti e Marco Bocci, paura in ascensore: bloccati per mezzora

Non ha mai nascosto il proprio difficile rapporto con gli attacchi di panico, Laura Chiatti, da sempre attenta alla comunicazione e alla sincerità con i propri affezionatissima fan social. L’attrice ora ha dovuto forzatamente fare i conti con le proprie paure, in occasione di non una ma ben due traumatiche esperienze con il proprio ascensore di casa; se già, come sembra, il problema era andato presentandosi pochi giorni fa, solo recentemente l’attrice e la famiglia hanno dovuto affrontare per una interminabile mezzora uno degli incubi peggiori. Insieme non solo al marito Marco Bocci, ma anche ai due figli piccoli Enea e Pablo, Chiatti è infatti rimasta bloccata nell’ascensore del condominio.

Mezzora da incubo per Laura Chiatti in famiglia, bloccati nell’ascensore del palazzo in attesa dei soccorsi: “Un pensiero a chi soffre di attacchi di panico”

A dare la testimonianza del tutto ci ha pensato Bocci stesso, pubblicando in diretta alcuni video a testimonianza della penosa situazione: accalcati in uno spazio angusto come quello dell’ascensore, Laura Chiatti, l’attore e i bambini hanno trascorso del tempo interminabile in attesa dell’intervento dei pompieri. Non sono ovviamente chiare le ragioni dietro il guasto, ma dalle poche immagini è possibile riconoscere una Chiatti visibilmente provata, terrorizzata e forse in piena crisi di panico. Sensazioni poi confermate dalla stessa attrice, che ha raccontato l’esperienza una volta tirata fuori.

Grazie ai Vigili del Fuoco per averci tirato fuori dopo mezzora“, ha gioito Laura Chiatti, una volta scampato il pericolo e portata in salvo. “Un pensiero a tutte le persone che come me soffrono di attacchi di panico. Si possono superare“. Il ritrovarsi rinchiusa per ben trenta minuti in uno spazio affollato e pericolante come quello dell’ascensore è stata sicuramente un’esperienza segnante; ma l’attrice sembra averla già superata.

LEGGI ANCHE Laura Chiatti dimagrita racconta la verità: “Mi ha salvata, come…”