Dieta del tè rosso: perdere peso bevendo 2 tazze al giorno per 1 mese

In Europa è conosciuto come “tè rosso”, ma il suo nome in Oriente vuol dire “Terra bagnata da pioggia recente”. Parliamo del “tè Pu’er”, che nasce da una pianta dalle proprietà benefiche incredibili.

Gli effetti di questa pianta sono stati riconosciuti dalla comunità scientifica francese e giapponese, attraverso studi accurati. Il tè rosso è in grado soprattutto di assimilare i grassi in eccesso accumulati dal nostro organismo, aiutandoci appunto ad eliminarli. Si tratta dunque di una bevanda ottima per perdere peso in modo naturale. Ma in che modo agisce sul nostro organismo?

Perché il tè rosso fa così bene? Gli effetti sul corpo

Il tè rosso aiuta proprio il fegato nell’assimilazione dei grassi, è ottimo nel favorire la digestione e abbassa i livelli di colesterolo nel sangue (basterebbe già questo per berne almeno una tazza al giorno!). Il consiglio è quello di bere il tè rosso durante i pasti e di sostituirlo al caffè, soprattutto perché è una bevanda che favorisce il senso di sazietà e dunque limita la voglia di spuntini, spesso poco salutari (altro fattore determinante per perdere peso). Vogliamo sfruttare al massimo i benefici di questa bevanda? Allora l’ideale è concederci almeno due tazze al giorno di tè rosso, berlo quando è ancora caldo e ovviamente senza l’aggiunta di zucchero. Basterà farlo per un mese per notare i primi effetti benefici!

Oltre che un’ottima bevanda per bruciare i grassi e favorire l’organismo, infine può essere utilizzato anche come ingrediente in cucina, per preparare un dolce o una salsa deliziosa. Pochissime sono le controindicazioni, comuni a tutti i tipi di bevande che contengono teina. Anche il tè rosso stimola il sistema nervoso centrale e aumenta la pressione sanguigna, dunque le donne incinte o le persone che soffrono di ipertensione devono consumarlo moderatamente. Non va assunto insieme al pompelmo, che ne amplifica gli effetti indesiderati e neanche con il latte che invece può ridurne i benefici. Si pensa anche che possa diminuire l’assorbimento del ferro.