Rocio Munoz Morales crolla: “La notte piango sulla sua spalla…”

La presunta crisi di coppia tra Rocio Munoz Morales e il compagno storico Raoul Bova ha dato molto da parlare ai fan dei due negli ultimi tempi. L’emergenza Covid, con la quarantena e il contatto familiare forzato sembra però aver sepolto e relegato al passato ogni supposizione in merito; i due stanno trascorrendo insieme il periodo di lockdown, badando alle figlie Luna e Alma, e provando a mantenere le menti lucide in vista di un futuro più oscuro che mai. Di queste legittime preoccupazioni, oltre che del rapporto con l’attore, Morales ne ha parlato con Mara Venier, ospite a Domenica In.

Nessuna crisi con Raoul Bova, ma molta paura per il futuro: Rocio Munoz Morales racconta la sua quarantena a Mara Venier

Collegandosi da casa, Rocio Munoz Morales ha prima di tutto rassicurato gli spettatori in merito allo stato di salute della famiglia, per poi esporre il proprio punto di vista su questo primo mese di quarantena. “Siamo sani, ma la vita ci sta mettendo a dura prova“, ha spiegato alla conduttrice, raccontando la convivenza di questi giorni con il compagno. “Per me è giusto condividere con le persone a cui voglio bene tutte le mie debolezze. Lo faccio con Raoul, perché la notte ho la possibilità di abbracciarlo, e di piangere sulla sua spalla“.

La coppia appare dunque solida, ma rimane l’inevitabile senso di paura per Rocio Munoz Morales. “Mi preoccupa il futuro delle mie figlie e di tutti noi“, prosegue nella sua confessione. “L’incertezza mi preoccupa, ma Raoul mi dà forza e le bambine sono un’incredibile iniezione di sorriso. Stiamo riscoprendo la quotidianità del vivere assieme, e la bellezza delle parole. Visto che è un momento in cui non possiamo abbracciarci, è bello poter dire grazie e per favore. E’ un esercizio che pratichiamo molto, ora che siamo a casa assieme“, conclude l’attrice.

LEGGI ANCHE Raoul Bova e Rocio Munoz Morales, lite in pubblico al ristorante