GF Vip, Fabio Testi racconta il bacio con Paola di Benedetto: “Puro istinto…”

Erano settimane che Fabio Testi chiedeva invano il pubblico e la produzione del GF Vip di ascoltarlo nella richiesta di essere rispedito a casa. L’attore reputava da tempo conclusa la propria esperienza nella Casa, e il piccolo dramma familiare concernente il figlio bloccato in Cina (proprio nel periodo, ormai rientrato, dell’epidemia) lo aveva ulteriormente allontanato dal fulcro del reality. Eliminato nel corso dell’ultima puntata, Testi è finalmente tornato a casa, dove può a questo punto fornire al pubblico uno sguardo critico sull’esperienza appena conclusa.

Tornato a casa, Fabio Testi racconta l’esperienza al GF Vip: “Ho cercato di portare me stess, non l’attore. Il bacio? Riflesso d’abitudine…”

Tra i protagonisti dell’edizione 2020, Fabio Testi ha conservato un ricordo tutto sommato positivo di questa edizione del GF Vip. “Ho cercato di non recitare“, ha raccontato nella sua prima intervista da “libero”, a Chi. “Non sono stato il Testi attore ma il Testi naturale, in mutande, in cucina, che schiaccia un pisolino. Ho voluto mandare un messaggio ai ragazzi: si può fare tutto, cinema, tv e il gf, ma nonostante ciò rimanere normali. Quello dell’attore è un lavoro come un altro“. Non manca però un riferimento al suo grande momento dell’edizione: quello del bacio alla collega e concorrente Paola Di Benedetto. “Non era forse un bacio casto“, ha commentato ironico l’attore. “Diciamo che è stato un bacio onesto, d’istinto. Un’abitudine…”

Ora Fabio Testi è tornato a casa, e si sta preparando ad affrontare l’epidemie e la quarantena nel mondo esterno al set Mediaset. “Io sono fortunatissimo, ho un’azienda agricola recintata e mi ci muovo tranquillamente“, fa sapere. “Sono molto preoccupato invece per mio figlio. Da quando mi hanno spiegato la situazione ho deciso di uscire. Non poterci parlare era insostenibile, così ho chiesto di essere nominato. E alla fine ce l’ho fatta“.

LEGGI ANCHE GF Vip, Fabio Testi prega per il Coronavirus: piangono tutti