Ilary Blasi e Claudio Amendola insieme: la soffiata che crea scompiglio

Ilary Blasi e Claudio Amendola insieme, fianco a fianco, alla conduzione di un programma. È questa l’indiscrezione che ha iniziato a circolare nelle ultime ore, stando alla quale Mediaset avrebbe deciso di introdurre questa novità nel suo nuovo palinsesto. Il motivo? Tra gli altri, quello di aver lasciato la moglie di Francesco Totti, per la prima volta da anni, senza una trasmissione da condurre. La donna, infatti, avrebbe dovuto ritrovarsi al timone de L’Isola dei Famosi, ma l’edizione 2020 del reality show è stata annullata.

L’annullamento de L’Isola dei Famosi

A dare la notizia – sia della cancellazione della nuova edizione de L’Isola dei Famosi, sia di una cooperazione alla conduzione di Ilary Blasi e Claudio Amendola – è stato il settimanale Oggi. «L’Isola dei Famosi salterà una stagione: l’edizione 2020 non andrà in onda per mancanza di budget. Ilary Blasi avrebbe dovuto condurla per la prima volta e si ritrova senza un programma», si legge sulle pagine della rivista. Una decisione che, stando sempre alle indiscrezioni, la moglie di Francesco Totti non avrebbe preso poi così bene. «Dicono sia seccata e delusa: aveva puntato su L’Isola con un rilancio in grande stile», si legge ancora. Eppure, dando credito a quanto trapelato, potrebbe aprire uno scenario inatteso per la conduttrice.

Ilary Blasi e Claudio Amendola insieme alla conduzione

Sì, perché secondo il settimanale Oggi l’intenzione di Mediaset sarebbe quella di porre Ilary Blasi e Claudio Amendola alla conduzione de Lo Show dei Record. La moglie di Francesco Totti, dopo l’addio al Grande Fratello Vip (la cui conduzione è passata ad Alfonso Signorini) e dopo l’avventura ad Eurogames (un flop, almeno in termini di ascolti), avrebbe così l’occasione di tornare alla conduzione di un programma del palinsesto. Che potrebbe portarle non poche soddisfazioni. E poi, chissà, darle lo slancio giusto per prendere in mano le redini della prossima edizione de L’Isola dei Famosi. Quella del 2021, ovviamente.