Dieta della polenta: perdere chili senza sentirsi a dieta, è straordinario

La dieta della polenta trae la sua ispirazione dalle due caratteristiche principali di questo alimento invernale: poche calorie e un gusto inconfondibile. Perché non approfittarne per perdere qualche chilo senza sentirsi davvero a dieta?

Per perdere qualche chilo in vista delle abbuffate natalizie ci si potrebbe affidare ad un alimento gustoso e nutriente come la polenta. Si tratta di un piatto completo che ben si adatta al freddo dell’inverno e che al tempo stesso permette di riunirsi in famiglia o tra amici per una serata in compagnia… ma non per forza. Ormai esistono polente di ogni tipo e con qualsiasi tipo di cottura. Per preparare la polenta istantanea, ad esempio, bastano pochissimi minuti e poca fatica: addio pentoloni e mestoli di legno per girare ore ed ore.

Alla luce di tutto ciò vale la pena elencare i pregi della polenta da un punto di vista nutrizionale. In primis si tratta di un piatto che sazia a fondo. Bastano piccole quantità per alzarsi dal tavolo soddisfatti e senza fame. Sostituendo uno dei due pasti principali con un piatto di polenta si riescono a perdere dei chili senza soffrire e senza sentirsi davvero a dieta. Ovviamente bisogna evitare i sughi troppo ricchi o i condimenti troppo grassi. D’altronde il gusto della polenta non necessita obbligatoriamente di grosse aggiunte, a maggior ragione se la contropartita può essere una perdita di peso veloce e soprattutto indolore.

 
Un piatto di polenta è molto meno calorico della pasta: circa 80-90 calorie ogni 100 grammi. Inoltre è molto meno grassa e nutriente. Derivando dal mais è ricca di amido, carboidrati, fosforo, calcio, potassio, magnesio, sodio, vitamine A e B. Qualità non da poco, non contiene glutine: questo la renda adatta anche ai celiaci oltre che un valido alleato della ritenzione idrica. Essendo facilmente digeribile non possiede controindicazioni, basta bilanciarla con i giusti nutrienti e con cibi leggeri (frutta, verdura, un po’ di carne e pesce). Insomma, chi pensava si trattasse di un cibo grasso si sbagliava di grosso. Eppure c’è un ultimo falso mito da sfamare: la polenta sazia nell’immediato ma poi fa venire ancora più fame? Assolutamente no, è solo più digeribile e quindi non appesantisce l’organismo.