Emily Ratajkowski atomica in bikini a 14 anni: il seno era già esplosivo [FOTO]

Emily Ratajkowski, che donna meravigliosa. La modella e attrice americana da oltre 25 milioni di follower su Instagram, ha raggiunto il successo nel 2013 grazie alla sua partecipazione in topless nel video di “Blurred Lines”, super hit di Robin Thicke. Fin dagli esordi del tutto casuali Emily ha incantato tutti con la sua bellezza e con un corpo da urlo. A proposito del suo corpo, però, la modella ha pubblicato uno scatto che la ritrae da adolescente per rispondere ad alcune critiche insistenti.

Più che una risposta, quello della Ratajkowski è a tutti gli effetti uno sfogo. Di farsi trattare ‘solo come un bel corpo’ ad Emily non sta più bene, soprattutto quando viene accusata di essere ricorsa a ritocchini vari e interventi di chirurgia estetica per ottenere una perfezione fisica di quel livello. Va detto che la supermodella fa dell’esibizione del corpo un vero must sul suo profilo Instagram: foto di nudo artistico, scatti bollenti e pose sexy hanno contribuito a renderla un sogno erotico per i fan di tutto il mondo. Nello scatto in questione vediamo Emily a 14 anni, bellissima e identica a come la conosciamo oggi. Il corpo sinuoso e tutto curve è lo stesso di adesso e le parole sotto la foto hanno ricevuto il consenso del web:

Lo sfogo di Emily

“Una volta mostravo sempre questa foto alle persone per dimostrare che il mio corpo è naturale. Oggi sono triste solo del fatto che esiste: ero solo una bambina in questa foto e vorrei che il mondo avesse incoraggiato la me 14enne ad essere più che solo il mio corpo. Detto questo, mi sento ancora come se il mio corpo e la mia sensualità mi abbiano rafforzata facendo la modella e usando piattaforme come Instagram. Fortunatamente ho scoperto parti di me molto più importanti della sensualità, ma se sei una ragazza di 14 anni che legge questo post, non ti preoccupare di nulla di tutto ciò. Leggi molti libri e sappi che ciò che vedi su Instagram è solo una piccola parte di esseri umani completi e meravigliosamente complessi”.