Regina Elisabetta, come ha reagito all’incidente di Diana: le parole sospettose

Molte recenti dichiarazioni riportano alla luce i momenti dell’incidente di Lady Diana. Emergono anche le prime parole sospettose della regina Elisabetta.

L’incidente di Lady Diana e i sospetti sulla famiglia reale

Il 1997 fu l’anno in cui tutto il mondo rimase sconvolto dalla morte della principessa Diana. Il tragico incidente fu un vero e proprio disastro, ma rimane ancora oggi un mistero per ciò che riguarda la dinamica.

I cosiddetti complottisti danno la colpa alla famiglia reale, e per molti anni si è parlato di un attentato con a capo proprio la regina Elisabetta. William e Harry, dal canto loro, hanno sempre indicato la stampa come principale colpevole. Secondo i figli di Carlo, infatti, la madre non sarebbe salita in macchina se non per scappare dai paparazzi.

Le prime parole della regina Elisabetta

La morte di Lady Diana rimarrà forse per sempre un avvenimento avvolto dal mistero. Dalle parole dei biografi ufficiali però, che avrebbero assistito di persona ai fatti, la famiglia reale rimase alquanto sconvolta dall’incidente.

Carlo e i figli William e Harry, in quella notte, si trovavano nel castello di Balmoral in Scozia, in compagnia della regina Elisabetta. Quando la notte dell’incidente, intorno alle 3.3o, a Palazzo arrivò la chiamata, le reazioni furono le più inaspettate.

Carlo decise di partire subito, per andare prima a “vedere cosa fosse successo” e poi “per andare a prendere la moglie e riportarla a casa“. Ma ad essere avvisata per prima, come da protocollo, fu la regina Elisabetta.

Il Daily Express riporta le parole dell’autrice di corte Ingrid Seward, contenute all’interno del suo libro Mio marito ed io: la storia interna di 70 anni di matrimonio reale. L’autrice racconta così le prime parole della Sovrana:

È incredibile!

Il tono della regina Elisabetta, però, si sarebbe fatto subito sospettoso e avrebbe esclamato: “Qualcuno deve aver sistemato i freni!”. 

LEGGI ANCHE: Kate Middleton in terapia di “coppia”: ecco il motivo

Loading...
Загрузка...