Miss Italia 2019 Carolina Stramare: intervista esclusiva

Il numero 3 le ha portato fortuna: Carolina Stramare, ventenne bellezza nata a Genova ma residente a Milano, ha conquistato la fascia, la corona e lo scettro di Miss Italia 2019. Alta un metro e settantanove centimetri, taglia quaranta, un fisico atletico ma sensuale, ha convinto sia la giuria di qualità che il pubblico, vincendo il titolo con oltre il 31% di preferenze al televoto.

Non sembravano mettersi bene le cose per Carolina Stramare, Miss Lombardia, eliminata in prima battuta dalla rosa delle fanciulle che potevano aspirare al titolo. Ma dopo un attento riesame delle giurate “famose”, tra cui Carolina Balivo, la semprediva Gina Lollobrigida e Giulia Salemi, è stata ripescata andando direttamente al voto dei telespettatori. Che hanno deciso di premiare la sua bellezza sensuale ma non sfacciata, fresca e sportiva, maliziosa e tipicamente italiana.

Loading...
Загрузка...

Carolina Stramare con il suo numero 3 ha battuto la pur bellissima numero 20, superfavorita prima della finale a Iesolo, Serena Petralia, e la numero 62, la padovana di origini cingalesi Seymi Fernando, sotto i riflettori già dalle selezioni perché bersaglio di alcuni haters per i suoi tratti più orientali che prettamente mediterranei.

Dalla sera del 6 settembre la sua vita si è rivoluzionata: attualmente è a Roma per tornare nella sua Milano giovedì 12 settembre, poi inizieranno tutta una serie di viaggi di lavoro in lungo e in largo per la Penisola. Sembrano ormai lontanissime le sue lezioni di grafica e progettistica all’Accademia delle Belle Arti di Sanremo.

“In effetti le mie intenzioni fino a qualche anno fa erano diventare designer”, racconta lei al telefono appena ripresasi da una non-stop di 48 ore durante la quale non ha mai chiuso occhio. “La mia famiglia ha un grande negozio di arredamento, l’architettura mi è sempre piaciuta fin da quando ero piccola.  Sapevo che sarebbe stato un ciclo di studi difficile da portare avanti con il lavoro di modella perché richiede un certo impegno. Oggi non so esattamente, con il ruolo da Miss Italia, quanto potrò portare aventi gli studi. Magari tra un anno cambio idea, scopro che il mondo dello spettacolo e della moda non mi basta e che invece voglio tornare al design. Mi consola il fatto che ho vent’anni, quindi ho sempre tempo per ricominciare anche se decido di sfruttare un’esperienza così bella come quella di essere diventata Miss Italia 2019”.

Oltre che emotivamente difficile, quanto è stato faticoso il concorso?

“Sono fortunata perché, avendo la pelle scura, non mi si vedono le occhiaie. Ma già delle selezioni non ho dormito quasi per niente. I fotografi la mattina mi dicevano: Carolina, sembri appena alzata dal letto fresca come una rosa! E io rispondevo: pensare che il letto l’ho appena intravisto! La sera della finale ero già provata, figuriamoci dopo la vittoria: era venerdì sera, ho dormito per venticinque minuti dalle sei alle sei e mezzo del mattino, poi tutto sabato in piedi a fare foto e interviste, con stop alle dieci e rientro a Milano. Solo allora, domenica, ho potuto dormire 14 ore di seguito svegliandomi quasi alle due del pomeriggio”.

In molti hanno apprezzato il tuo corpo da sportiva, oltre che da modella. Qual è il tuo segreto?

“Lo sport perché le diete proprio non le reggo. Che vi devo dire, sono una persona un po’ atipica perché non ho nè linee nè forme standard. Ormai sappiamo tutti quali sono le caratteristiche che devono avere le modelle che sfilano su tutte le passerelle del mondo: una magrezza estrema, niente forme, una taglia che io non avrò mai nemmeno se muoio di fame. Io invece ho le mie forme, mi piace mangiare. Certo, mi trattengo quando ce n’è bisogno, magari prima di un lavoro mi faccio due giorni e dove mangio bene però al piatto di pasta o alla pizza assolutamente non rinuncio. Piuttosto torno a fare la vita da ragazza “normale”, ma santo cielo non mi va nemmeno di passare la giovinezza a stecchetto perenne. Meglio una bella corsa a cavallo, sono una patita di equitazione da quando avevo 9 anni, una corsa serale o una bella nuotata”.

Non sei quindi una di quelle che campa a succo d’arancia e nulla più.

“No perché mi sono resa conto nel tempo che quando mi sono messa a dieta seriamente mi cambiava l’umore, ero sempre nervosa. La dieta l’ho vissuta talmente tanto male che ho detto: mangio bene, questo sì, ma non mi privo di nulla perché altrimenti perdo la serenità. E la serenità è importantissima per affrontare la vita quotidiana”.

Miss Italia e la moda.

“Io impazzisco per vestiti e borse. Per le scarpe non tanto perché mi piace stare comoda, tanto sono alta non è che devo arrivare chissà dove. Mia mamma, che oggi purtroppo non c’è più ma ho il “privilegio” di sentirla sempre vicina, mi diceva sempre che ero una “fashion addicted”, che ero ossessiva compulsiva e, quando avevo qualche soldo in più, comperavo ogni vestito che mi capitava davanti. Le borse invece mi piacciono morbide e grandi, preferibilmente a spalla”.

Miss Italia e l’amore.

“Sono fidanzata da otto mesi, ci vogliamo bene e ci rispettiamo a vicenda. Lui si chiama Alessio Falsone, è sportivo come me visto che ha giocato a calcio a buoni livelli. La cosa bella è che condividiamo tante passioni tra cui l’amore per i cavalli. Quando possiamo ci concediamo lunghe passeggiate e corse immersi nella natura. Fortunatamente non è geloso del mio lavoro, anzi: a Miss Italia mi ha sostenuto fino alla fine e ha gioito con me della vittoria. Mi piace passare del tempo con lui e la sera, più che discoteca e divertimento sfrenato fuori, preferisco stare con lui sul divano a mangiare o a guardare un film”.

Miss Italia e l’amicizia.

“Importantissima!!! Ho tante amiche storiche, quelle dei tempi della scuola, con cui ogni anno facciamo vacanze in Sicilia. Quest’anno abbiamo cambiato meta, all’ultimo minuto, praticamente una settimana prima abbiamo prenotato per Maiorca. Non dovrei dirlo perché non è bello per una ventenne, ma più che una vacanza da post-adolescenti abbiamo fatto una vacanza da anziane: mare tutto il giorno, la sera cena, un gelato per le vie della città e presto a letto perché eravamo cotte. Però siamo state bene lo stesso”.

Cosa rispondi a chi dice che una Miss deve essere anche intelligente e colta?

“Che un concorso di bellezza è un concorso di bellezza, altrimenti sarebbe un esame universitario, un’interrogazione scolastica. Chi ti vota non ha tempo né modo di capire davvero come sei. Non scherziamo, non si capisce in una settimana o un mese figuriamoci in una serata. Non diamo alle cose un valore diverso da quello che hanno: Miss Italia è un concorso di bellezza in cui si cerca una donna che rappresenti tutte le donne italiane in quanto a canoni estetici. Sono le donne tutte che non devono essere solo belle ma anche intelligenti e colte. Non ci dovrebbe essere bisogno di dirlo e non ci vuole un concorso di bellezza a ribadirlo: le donne, per loro amor proprio, dovrebbero curare oltre all’immagine la cultura e la spiritualità nella vita di tutti i giorni. La serata di Miss Italia serve a fare sognare, non a eleggere una scienziata. E’ ovvio che la ragazza in questione deve essere all’altezza, dimostrarsi brillante e capace. Questo però potrà farlo solo dopo, quando rilascerà interviste, quando parlerà durante le trasmissioni tv. Ma non mi sento sminuita se mi dicono che sono bella e nemmeno mi offendo. Non ho la coda di paglia, non ho sempre bisogno di ricordare al mondo che sono anche intelligente. Lo so da me e mi basta”.

Photo credits: Facebook, Instagram, Miss Italia Press Office Marcello Cambi

 

 

 

Comments

commenti

Загрузка...
Loading...