Bisignano: spunta corpo in un burrone, potrebbe essere Luigi Fumarola

Si teme il peggio per Luigi Fumarola, assente da casa ormai da troppi giorni. Il 25enne è scomparso da Bisignano, in provincia di Cosenza, lo scorso 18 luglio. L’ultimo avvistamento risale a quando il giovane, è stato visto salire a bordo di un’Alfa 147 nera. Da quel giorno, di lui si sono perse le tracce.

A poco più di trenta giorni dalla misteriosa scomparsa di Luigi, il macabro ritrovamento: il corpo senza vita di un uomo è stato rinvenuto in un burrone, profondo circa sei metri, tra i Comuni di Acri e Bisignano, sulla strada che porta a Serricella. Il cadavere, riverso a terra, risulta irriconoscibile. Per accertarne l’identità bisognerà attendere l’esame del Dna e dell’autopsia, già disposti dal sostituto Procuratore Giuseppe Visconti. Il corpo è stato rinvenuto da un uomo che si era recato in un terreno di sua proprietà.

Photo credits: Facebook

Loading...
Загрузка...

Poco prima della scomparsa

Si teme possa trattasi di Luigi Fumarola, il venticinquenne è stato visto per l’ultima volta in un bar del centro commerciale Il Castello, in compagnia degli amici. L’ultima persona ad averlo incontrato all’interno di quel bar è il padre, che ne ha fornito una breve descrizione: indossava una maglia blu e dei pantaloncini corti di jeans, scarpe rosse da tennis. Il ragazzo è facilmente riconoscibile, come riportato nella scheda di “Chi l’ha visto?“, grazie ai  due grandi tatuaggi sulle braccia, sull’avanbraccio sinistro, la scritta “William”.

“Non è un tipo da colpi di testa”

“Mio figlio è un bravo ragazzo, non è un tipo da colpi di testa. Vuole la sua indipendenza come tutti i ragazzi della sua età, ma ci ha sempre avvisato dei suoi spostamenti” racconta il papà di Luigi, Alessandro Fumarola, in un’intervista al settimanale “Giallo“. È per questo che ora siamo molto preoccupati – continua il papà di Luigi – per la sua assenza e per la mancanza di qualunque comunicazione da parte sua”.

Luigi era tornato da poco dalla Germania, dove viveva per motivi di lavoro. “Mio figlio è un grande sportivo e un appassionato di kick boxing. È un ragazzo senza grilli per la testa, molto amante degli animali, in particolare dei suoi cani, due Pitbull, che sono rimasti nel suo appartamento, di cui ora mi sto occupando io. L’appartamento in cui viveva solo, è stato ritrovato in ordine. All’interno, sono stati trovati anche i documenti. Nessuna traccia, invece, del cellulare, che aveva con sé al momento della scomparsa.

 

 

Comments

commenti

Загрузка...
Loading...