Angela Celentano: spunta la nuova pista 23 anni dopo

Sono trascorsi 23 anni dalla scomparsa di Angela Celentano, da quel 10 agosto del 1996, la piccola, all’epoca aveva tre anni, scomparve nei boschi del Monte Faito, dove era arrivata la famiglia per l’annuale festa della comunità evangelica. L’ultima pista a far riaprire il caso è la strana profezia il giorno prima della scomparsa.

Ventitré anni senza risposte e un caso che resta ancora oggi avvolto nel mistero. È una storia piena di ombre quella di Angela Celentano, ma anche piena di speranza.

La profezia:

Il giorno prima della scomparsa, infatti, il 9 agosto 1996, Rosa, la cuginetta più grande, allora adolescente, confidò a Maria Celentano, madre della piccola, che il giorno dopo Angela sarebbe scomparsa. La cugina della ragazza, Rosa Celentano, figlia del fratello di Catello Celentano (padre di Angela), è stata ascoltata in Procura a Torre Annunziata in qualità di persona informata dei fatti. Rosa Celentano, che ora ha 35 anni, raccontò di quel sogno premonitore – così lo definì – nel quale la cuginetta “spariva” nel bosco, il giorno prima della scomparsa di Angela.

Загрузка...

Photo credits: Facebook

Rosa, nell’intervistata durante la trasmissione Quarto Grado ha subito cambiato la versione e distorto il senso dato a quelle parole, ricordando di aver raccontato ad Angela la favola di Cappuccetto rosso, sostituendo il nome con quello della cugina: “Non ho detto di aver sognato che rapivano Angela – ha ribadito Rosa -, ho semplicemente sostituito il nome di Cappuccetto Rosso con il nome di Angela. Questo è tutto. Angela era irrequieta quella sera prima di andare in gita il giorno dopo, io per distrarla la presi e le iniziai a raccontare la storia di Cappuccetto Rosso. Solo che al posto del nome di Cappuccetto Rosso misi il suo nome per invogliarla di più nella storia”.

La scomparsa:

Al momento della scomparsa, la piccola Angela Celentano aveva appena 3 anni: era il 10 agosto del 1996. Oggi ne avrebbe compiuti 26. Il giorno della scomparsa era con la famiglia a una gita organizzata dalla Comunità Evangelica sul Monte Faito, in provincia di Salerno. L’ultima volta che fu vista stava imboccando un sentiero in compagnia di altri due bambini. La zona venne setacciata per giorni ma della piccola nessuna traccia.

Alcuni testimoni affermarono di aver visto una macchina con due uomini di nazionalità straniera aggirarsi nei pressi della zona. Le indagini si concentrarono su due piste: la pedofilia e il rapimento da parte di un presunto padre biologico di Angela.

La pista messicana:

Nel 1999 viene accusato lo zio Gennaro per sequestro di persona. Si trattava del fratello di Catello, il padre di Angela. Le accuse caddero e l’uomo venne prosciolto. Nel 2010 i genitori aprirono un sito web dedicato alla figlia sperando di ricevere notizie da lei o da chi sapesse qualcosa sulla vicenda. Verranno contattati da una ragazza che diceva di riconoscersi nelle foto di Angela di nome Celeste Ruiz.

Photo credits: Facebook

La ragazza racconta di essere stata adottata da una famiglia messicana alla quale tiene molto e pertanto chiede di non essere cercata, per restare con loro. Maria e Catello Celentano parleranno di questo contatto soltanto due anni dopo. Nel 2012 la Procura di Torre Annunziata invia alcuni agenti in Messico per constatare la veridicità dei fatti. Giunti sul posto l’amara “sorpresa”: all’indirizzo della ragazza vive un’altra famiglia.

 

 

Comments

commenti

Загрузка...