Sentono rumori inquietanti provenire dalla cucina: shock per due ragazzi a Londra

Nella periferia di Londra è successo qualcosa di incredibile. Due ragazzi, trovatisi lì per una vacanza sentono rumori dal lavandino del bagno per tutta la notte. Quello che scoprono il mattino dopo è raccapricciante.

Una coppia giovane decide di trascorrere le vacanze vicino Londra, immersi nella natura. Purtroppo qualcosa va storto, infatti, la casa dove alloggiano ha un bagno spaventoso: rumori sospetti provengono dal lavandino della cucina. I due, stanchi di sentire gorgheggiare dal lavabo decidono di scoprire cosa provocava tutto quel trambusto. La scoperta è stata sconvolgente: delle blatte fuoriuscivano dal buco del lavandino e perdendo l’equilibrio vi ricascavano facendo rumore. Alla vista degli insetti i due sono corsi fuori in cerca di aiuto.

Strani rumori in giardino: lo scoperta è sconvolgente

Una coppia di turisti in vacanza sulle Alpi, ha iniziato a sentire, durante la notte, dei rumori inquietanti, provenienti dal giardino del loft in affitto tra le montagne. Insospettiti e anche impauriti dalla situazione, hanno preferito rimanere chiusi in casa e aspettare che il rumore cessasse. Ma il brusio e i colpi contro la parete hanno iniziato ad essere sempre più insistenti; così il marito all’alba del mattino seguente, ha deciso di verificare di cosa si trattasse. Giunto con una pala e una mazza nei pressi del giardino, ha fatto una scoperta sorprendente: una mamma cerva e il suo piccolo cerbiatto, avevano trovato riparo tra le foglie alte del giardino. Gli animali, sentiti i passi dell’uomo sono usciti allo scoperto, scappando nel bosco.

Due ragazze trovano qualcosa nello scantinato: è assurdo!

Un giorno di primavera le ragazze decidono di dare una ripulita allo scantinato per poterlo finalmente utilizzare. Mentre si avvicinano alle scale che conducono alla stanza, sentono dei rumori sospetti, come ululati. Subito prese dallo spavento corrono via. Il giorno dopo, decidono di riprovare, e spinte dalla curiosità si recano di nuovo nello scantinato: scoprono qualcosa di eclatante! Il rumore non era altro che il fruscio dello spiffero che entrava dalla finestrella rotta. Fortunatamente niente di grave e le ragazze ne sono uscite illese ma con un grande spavento.

Agghiacciante abbandono

Un passante, è stato attratto, da alcuni rumori sospetti provenienti dai cassonetti dei rifiuti. Avvicinatosi per verificare di cosa si trattasse, si trova a fare una scoperta agghiacciante. Il fatto è avvenuto a Torre Rinalda, in provincia di Lecce e l’accaduto ha lasciato sconvolte non poche persone. La scena descritta è davvero sconvolgente: un cucciolo di cane è stato trovato abbandonato tra i rifiuti, chiuso in un sacco di iuta.  Tuttavia, grazie alla segnalazione, ad opera del passante insospettito dai rumori sospetti, simili a lamenti, i volontari sono riusciti a salvare il piccolo cane di appena tre mesi.

Il post di denuncia

In seguito al salvataggio, i volontari dell’associazione animalista, che si sono presi cura del cane, hanno raccontato sulla pagina Facebook ‘Accalappiamenti a Lecce e Provincia‘: “Ci è giunta una segnalazione di un cucciolo chiuso in un sacco, dietro un muretto e in mezzo a vari rifiuti, nei pressi della via del mare”.

Lo straziante motivo dell’abbandono

Secondo quando raccontato dai volontari che si stanno prendendo cura del cucciolo di tre mesi, il motivo dell’abbandono del povero cane è stato dovuto alla sua malattia. Il cucciolo infatti, soffre di gastroenterite. Il cagnolino, infatti, non ha microchip e indossava un vecchio collare, legato con del fil di ferro. “E’ evidente che è stato chiuso in un sacco e gettato tra i rifiuti perché malato. Non ci sono parole per un gesto schifoso come questo speriamo solo che guarisca e trovi l’amore di un essere umano che sappia invece proteggerlo ed amarlo come merita. Il cucciolo è ricoverato presso la clinica Arca a Trepuzzi“. Così i volontari, concludono il post di denuncia.