Vittorio Sgarbi: “Notre Dame? Una cartolina, non abbiamo perso nulla”

Quelle di Vittorio Sgarbi sono dichiarazioni che certamente faranno discutere parecchio l’opinione pubblica. Secondo il noto critico d’arte, la distruzione della Cattedrale più famosa avrebbe un valore simbolico ma nulla di più.

Sgarbi, intervenuto a Quarta Repubblica, avrebbe dichiarato: “L’intervento dei pompieri è stati efficace.La guglia che è caduta è un’architettura del 1870. La tragedia è morale, sì, ma tutto è riparabile. Il crollo della cattedrale di Noto è stato più grave, in 10 anni l’abbiamo recuperata. Inoltre non ci sono morti, non c’è terrorismo. Questo pianto generale è inutile, è una tragedia legata a un simbolo perfettamente recuperabile. Non possiamo credere di non poter ricostruire qualcosa che è stato fatto nel 1800.Dobbiamo essere attenti la prossima volta che si fa un restauro a mettere le impalcature in sicurezza. Le fiamme sono divampate per un corto circuito nella struttura montata per il restauro. All’interno non ci sono opere antiche, ci sono i muri e alcuni affreschi del secondo 800. Non è come una chiesa italiana che ha un palinsesto secolare. L’arredo è di strutture neogotiche, tipo E.T., cose scenografiche nessun capolavoro. Ma cosa abbiamo perso di Notre-Dame? Ditemi un nome, ditemi un monumento, una statua, una scultura. La corona di Cristo? E’ una reliquia finta. La parte importante è nelle due torri, restate intatte. Basta retorica, bisogna distinguere tra le opere d’arte e le cartoline”.