Totò Cutugno messo al bando in Ucraina

Dopo Albano, adesso è il turno del cantautore Totò Cutugno di essere messo sulla “lista nera” dei non graditi in Ucraina.

Le accuse dell’Ucraina a Totò Cutugno

Secondo l’articolo apparso ieri su Economistua.com, infatti, un gruppo di deputati ucraini ha avanzato la richiesta al capo dei servizi di sicurezza (Sbu), Vasily Gritsak, di precludere l’ingresso in Ucraina al cantante Totò Cutugno per le sue presunte posizioni filorusse. Nel documento inviato dai parlamentari il cantautore italiano viene definito “un agente di appoggio della guerra della Russia in Ucraina” e Viktor Romanyuk, uno di coloro che ha avanzato la richiesta, motiva la decisione dicendo che la proposta è nata “perché Cutugno fa parte dell’associazione Amici di Putin ed ha sostenuto l’annessione in Crimea”.

Probabile cambio di programma per Cutugno

Totò Cutugno sarà forse costretto a rimandare il suo concerto a Kiev, atteso per il 23 marzo, se le accuse saranno confermate. Salvatore Cutugno, in arte Totò, è infatti molto popolare in Europa orientale al punto tale che, durante una sua partecipazione al Festival di Sanremo del 2013, si è avvalso dell’accompagnamento del coro dell’Armata Rossa. Quella del 2013 è solo una delle 15 edizioni del Festival di Sanremo a cui ha partecipato, sia da solista sia in coppia sia in gruppo, vincendo però solo una sola volta nel 1980.  Con oltre 100 milioni di copie vendute nel mondo, si stima tra gli artisti musicali italiani di maggior successo, raggiungendo la vetta delle classifiche, sia come interprete dei propri brani, sia come produttore e autore di canzoni per altri.

 

 

Comments

commenti