Principe Carlo: ecco qual è la sua passione più segreta

Lo sapevate che il principe del Galles riempie le tasche delle giacche di noci e vi lascia entrare i roditori? Tutto questo però, solo per gli scoiattoli rossi britannici, da proteggere dall’invasione degli scoiattoli grigi del Nord America. Pensate che ognuno di questi animaletti ha un nome ed il permesso di entrare in casa, nella proprietà di Birkhall in Scozia. Il principe Carlo infatti, adora moltissimo gli scoiattoli, tanto da trattarlo davvero come se fossero animali domestici. I suoi scoiattoli sono come cani e gatti da tenere in poltrona e coccolare.

In particolar modo, la passione più grande, il principe Carlo ce l’ha per gli scoiattoli rossi britannici, da proteggere dall’invasione degli esemplari grigi del Nord America. Questo piccolo segreto, è stato svelato dal figlio William in un’intervista a Country Life, in un numero pubblicato il 14 novembre, dedicato all’amore di Carlo per la campagna del Regno Unito. William ha rivelato che il padre è “completamente infatuato”.

 

 

Il principe Carlo, ha davvero una passione frenata per la campagna e per tutti gli animali in generale che ne fanno parte. Sua Altezza, ha celebrato il suo settantesimo compleanno il 14 novembre. In questa occasione, ha parlato dei roditori, ammettendo che “sono creature incredibilmente speciali”. Ha anche descritto tutti i dettagli della sua passione. “Li facciamo entrare in casa a Birkhall e li spingiamo ad inseguirsi a vicenda, intorno e dentro alla villa. Se mi siedo in silenzio, loro mi imitano. A volte, quando lascio le mie giacche su una sedia con le noci nelle tasche, li vedo con le loro code sporgenti mentre cercano le noccioline.” Non troppo tempo fa, lo stesso Carlo, aveva dichiarato di voler fare dell’animale la mascotte ufficiale del Regno Unito.

Il principe Carlo a sostegno dell’ambiente

Il principe, in molte occasioni ha parlato di conservazione e cambiamenti climatici. Nella stessa occasione ha anche ammesso di parlare con le sue piante. Qualche anno fa infatti, Carlo, aveva ordinato l’abbattimento di tutti i roditori grigi che sono gli invasori dalle ex Colonie. Sui 531 km/q del ducato di Cornovaglia, la sua sterminata proprietà e principale fonte di finanziamento. Questo perché minacciano i più graziosi e indigeni scoiattoli rossi.

“E’ una misura umana e legittima”, aveva spiegato il suo portavoce, per limitare la popolazione degli scoiattoli grigi,che trasmettono un virus letale per gli scoiattoli rossi, la specie-simbolo delle campagne inglesi, vero e proprio tesoro nazionale. La specie grigia fu importata dagli Stati Uniti nel 1876 ed è estremamente distruttiva per i boschi, perchè i minuscoli roditori rosicchiano la corteccia degli alberi e mettono a rischio l’habitat naturale. Si calcola che la popolazione dei grigi sia sterminata, oltre due milioni e mezzo, rispetto ai 140mila esemplari rossi.

Comments

commenti