Elena Santarelli: “La parola tumore fa paura. Mi sforzo per non far sentire mio figlio malato”

Elena Santarelli è tornata a parlare della malattia del figlio Giacomo durante un’intervista rilasciata a Vanity Fair. Anche se il piccolo Jack rimane ovviamente la sua priorità, la showgirl non ha mai smesso di lavorare, per tenersi impegnata e soprattutto perché la vita non deve essere messa in pausa…

Elena Santarelli è tornata a parlare della malattia che ha colpito il figlio Giacomo e che la stessa showgirl ha raccontato sui social nel novembre 2017; in un’intervista rilasciata a Vanity Fair, l’attrice ha chiarito ancora una volta i motivi per cui ha deciso di raccontare cosa stava succedendo a lei e alla sua famiglia, cercando di lanciare però sempre messaggi positivi e di speranza per tutte le famiglie che si trovano nella sua stessa condizione. 

Io sono fortunata perché per il tumore di mio figlio c’è un protocollo internazionale da seguire, ma per alcuni genitori non è così […] La vita non va messa in pausa. Ogni volta che è stato possibile ho anche continuato a lavorare. La mia fortuna è che il mio lavoro non prevede impegni fissi quindi mio figlio non ha mai visto la preoccupazione della mamma che lascia il lavoro”.

La moglie dell’ex calciatore Berardo Corradi ha spiegato inoltre: “Giacomo è sempre la priorità ma continuare a lavorare fa bene a me come agli altri genitori”. Sul “come si va avanti” dopo una notizia come quella che hanno ricevuto la Santarelli e suo marito, lei spiega: “Io a Giacomo faccio fare tutto quello che è possibile. Se non fosse per i capelli non diresti mai che mio figlio ha un tumore. È questa l’unica cosa che un genitore può fare: non farlo sentire malato, non stravolgere la sua vita, non cambiare le sue abitudini. Io sono fortunata perché vedo tanta luce in fondo al tunnel e perché mio figlio è quello di sempre ma con un problema da risolvere”. 

Photo Credits Instagram

Comments

commenti