Caso Roberta Ragusa, dichiarazioni shock della cugina: “I figli non reputano necessario cercarla” [VIDEO]

Si è concluso il secondo grado di giudizio per Antonio Logli, l’uomo accusato e condannato in appello a 20 anni di reclusione per aver ucciso e distrutto il cadavere della moglie, Roberta Ragusa. Il marito resterà libero fino alla condanna definitiva. Nella sentenza sono state confermate le misure cautelative, le quali prevedevano l’obbligo di residenza nel comune di San Giuliano Terme e il divieto di allontanarsi dalla provincia di Pisa dalle ore 21 fino alle 6. L’inviata di Pomeriggio 5 ha intervistato la cugina della donna scomparsa, che ha sostenuto: “Il figlio più grande non crede che il papà possa aver fatto quello di cui è accusato. Apparentemente Daniele (Logli, figlio della coppia, ndr) appare sereno. Il disagio interiore nessuno lo può sapere, anche perché ha vissuto una tragedia non indifferente”. La cugina di Roberta Ragusa riporta l’attenzione anche sull’amante di Antonio Logli, compagna attualmente dell’imputato, con il quale convive proprio nell’abitazione della coppia: “Dentro casa non ci dimentichiamo che hanno un promemoria, cioè la compagna del padre, che ha preso a il posto della mamma”. Ritornando sui nipoti afferma: “A loro manca la mamma, ma evidentemente non reputano necessario cercarla ulteriormente.

Photo Credits Facebook, Video Credits Pomeriggio 5

Comments

commenti