Anticipazioni Chi l’ha visto?: Pamela e Jessica, due giovani vite spezzate

Chi l’ha visto? torna questa sera alle ore 21.15 su Rai 3 con una nuova puntata dedicata a due giovani donne. Lo storico programma, che da sempre si occupa dei casi di sparizione e cronaca nera, si soffermerà in particolare sulle brutali morti di Pamela Mastropietro e Jessica Valentina Faoro.

Chi l’ha visto? torna questa sera, 14 febbraio 2018, alle ore 21.15 su Rai 3, in diretta dallo studio di via Teulada, in Roma. Lo storico programma, che da sempre si occupa dei casi di scomparsa e delle grandi inchieste di cronaca nera, focalizzerà la propria attenzione sulle brutali morti di due giovanissime donne che hanno sconvolto l’Italia intera, Pamela MastropietroJessica Valentina Faoro

Pamela aveva soltanto 18 anni quando il 29 gennaio scorso ha lasciato la comunità di recupero nel Maceratese senza né documenti né il telefonino, portando con sé esclusivamente una valigia. La giovane voleva chiudere con il passato, purtroppo però è rimasta vittima di persone di cui non avrebbe dovuto fidarsi. Il corpo della ragazza è stato brutalmente fatto a pezzi e riposto in due trolley abbandonati in un fosso nel comune di Pollenza, in provincia di Macerata. Le indagini continuano senza sosta con l’obiettivo di scoprire chi ha ucciso la ragazza, in quanti erano e perché all’appello mancano alcune parti della giovane. Nel frattempo gli inquirenti non hanno dubbi e ad essere coinvolti nell’omicidio di Pamela Mastropietro sono il 29enne Innocent Oshegale, il 22enne Lucky Desmond e il 27enne Awelima Lucky. La Procura ha indagato anche un quarto uomo, al momento a piede libero. I Ris hanno effettuato nuovi accertamenti nell’auto dell’uomo che ha accompagnato Innocent Oseghale a disfarsi delle due valigie nelle campagne di Pollenza.

La conduttrice Federica Sciarelli si soffermerà inoltre sulla morte di un’altra giovane donna, Jessica Valentina Faoro. La 19enne era in cerca di lavoro ed è stata trovata morta il 7 febbraio scorso in un appartamento a via Brioschi a Milano. Il corpo di Jessica era stato avvolto in maniera improvvisata nel cellophane. Per la morte della ragazza, avvenuta tra martedì 6 e mercoledì 7 febbraio, è stato accusato il tranviere 39enne Alessandro Garlaschi. Ad allertare la Polizia è stato un vicino di casa che ha rivelato di aver visto la ragazza ospite in casa dell’uomo da circa da due settimane per fare dei lavori domestici. Alcune parti del cadavere erano ustionate: Garlaschi avrebbe infatti tentato di dar fuoco al corpo per farlo sparire. Secondo gli inquirenti Jessica è stata uccisa per aver reagito agli insistenti approcci di Alessandro Garlaschi. Stando alla dichiarazione dell’uomo, che ha riportato diverse ferite alle mani, i due hanno avuto una discussione e Jessica avrebbe ferito con il coltello l’uomo; lui, per difendersi, avrebbe disarmato la giovane e successivamente l’avrebbe colpita. L’uomo nel 2014 era stato processato dopo che una collega lo aveva denunciato per atti persecutori.

Photo Credits Facebook

Comments

commenti