Massimo Giletti e quella (nuova) frecciatina a Domenica In

Sembra che Massimo Giletti abbia lanciato una nuova frecciatina alla nuova Domenica In di Rai 1 condotta dalle sorelle Cristina e Benedetta Parodi. Cosa avrebbe il conduttore ora al timone del programma Non è l’Arena in onda tutte le domeniche in prima serata su La7?

La Domenica In delle sorelle Cristina e Benedetta Parodi su Rai 1 non sta andando bene in termini di ascolti. Fin dalla prima puntata è partita con il piede sbagliato e c’è chi potrebbe gongolare di questi risultati. Tra questi sembra esserci Massimo Giletti, per anni padrone di casa della domenica pomeriggio della Rete Ammiraglia. Dopo la chiusura del suo programma L’Arena però ha deciso di trasferirsi su La7 con una nuova trasmissione dal titolo Non è l’Arena in onda tutte le domeniche in prima serata. Finiti i rancori del passato? Secondo il settimanale Chi sembra proprio di no.

Il giornale diretto da Alfonso Signorini fa sapere che in aereo con Antonio Marano, il direttore di Rai Pubblicità, Giletti avrebbe intrattenuto un breve colloquio con lui dicendo “Ho saputo che senza di me gli inserzionisti pubblicitari stanno abbandonando la domenica pomeriggio“. Una frecciatina al veleno proprio per le Parodi?

Già in passato Massimo ha parlato dei problemi della tv di Stato: “Il tracollo di Rai 1 non mi appartiene più – ha detto in un’intervista a Radio Cusano Campus all’interno del programma ECG, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio – Mi spiace, io a quella rete ho dato tantissimo. La Rai è pagata dal canone dei cittadini, bisogna stare attenti agli investimenti, alle strategie. Poi se in questo Paese nessuno è responsabile, allora giriamoci dall’altra parte”. Il bilancio della sua nuova sfida invece è positivo: “Riuscire a fare in due puntate una media di oltre 7.5 è una vera forza. Vuol dire che c’è attenzione e anche che quel tipo di programma, di contenuto, inizia a trovare spazio anche la Domenica, che solitamente è dedicata alle fiction e all’intrattenimento”.

Photo Credits Facebook

Comments

commenti