Selvaggia Lucarelli e Giuseppe Cruciani: schermaglie d’amore?

Selvaggia Lucarelli e Giuseppe Cruciani, dal nostro punto di vista, sono una coppia vicinissima alla perfezione. Per mille motivi: perché hanno lo stesso spirito provocatorio e un po’ polemico, perché sono irrequieti (e sanno esserlo in modo costruttivo), perché operano in campi professionali adiacenti e dunque condividono una serie d’interessi. Perché entrambi nascondono il loro lato più tenero e romantico sotto una corazza che apparentemente non si può scalfire.

Di un flirt fra la Lucarelli e Cruciani si è vociferato alla fine della scorsa estate, lei ha smentito ma non ha convinto nessuno (o quasi). Poi, quasi d’improvviso e per motivi ignoti, c’è stato un allontanamento. Secondo qualche voce, sarebbe stata lei a troncare, gettando lui nello sconforto. Oddio, immaginare Cruciani disperato è dura, ma nella vita tutto può essere.

Sono piuttosto attivi su Twitter, ma gradualmente lo scambio di tweet è diminuito per poi cessare quasi del tutto. Fino a ieri. Eh sì, perché ieri c’è stata una serie di messaggi pepati e non troppo benevoli fra loro, che sembravano il frutto di una vera e proprio schermaglia amorosa. “Ho cliccato su ‘segui’, così la smetti di controllare“, è stato il cinguettio malizioso della Lucarelli. “Sei tu che controlli, io manco so come si fa“, ha replicato lui. “Ma se mi hai detto che non ti seguo su twitter! Vedi che manipoli i virgolettati?“, è stata la risposta di lei. “L’ho scoperto per caso, sherlock Lucarelli sei tu“, ha ironizzato lui.

Poi Selvaggia ha rilanciato: “Pensa che non sono neppure riuscita a capire chi mi mandasse fiori in radio senza firmarsi!“. Qualcuno ha letto in quest’ultimo messaggio la volontà di far ingelosire il buon Cruciani, e forse ci ha preso: “Regalare dei fiori è roba da cretini“. E lei: “Dai, non fare il duro. Fai coming out: io, Giuseppe Cruciani,ho regalato fiori. Ho apprezzato, eh“. Manco a dirlo, molti dei rispettivi follower si sono appassionati a quest’ameno scambio. Ostico, all’apparenza. Ostile. Ma l’apparenza inganna spesso e volentieri, si sa. E questi due non la raccontano giusta. Sono come calamite. Perché non rassegnarsi alla realtà dei fatti e non riprendere il “discorso” interrotto?

Foto by Kika e Gettyimages

Comments

commenti