Silvio Berlusconi vs Mario Balotelli: “E’ una mela marcia”

Che periodaccio, per Mario Balotelli. Non gliene va bene una. La questione della paternità, anziché essere una gioia, molto probabilmente sta per tramutarsi in una battaglia legale in piena regola (Raffaella Fico è sul piede di guerra). Poi pare che la coniglietta Tabby Brown l’abbia scaricato per via delle sue scappatelle, e adesso sarebbe disperato. Come se non bastasse, Silvio Berlusconi gli ha chiuso la porta in faccia senza troppi giri di parole. Davanti alle telecamere di Lunedì di rigore, programma in onda su Antenna Tre, l’ex Premier ha infatti svelato che nel mirino del Milan ci sono “tre giovani, uno italiano che gioca in Italia e due stranieri ma non sappiamo se sarà possibile averli in questo frangente“. SuperMario, tuttavia, non figura fra questi: “Mi spiace doverlo dire – ha continuato Silvio – ma nel Milan è molto importante l’aspetto umano. Se metti una mela marcia nello spogliatoio può infettare tutti gli altri“.

Io ho avuto modo, per vicende della vita – è l’ulteriore spiegazione – di dare un giudizio sull’uomo Balotelli: non accetterai mai che facesse parte dello spogliatoio del Milan”. Di certo, il recentissimo scontro fra Balo e Roberto Mancini, avvenuto durante gli allenamenti del Manchester City, ha rafforzato tale presa di posizione. E di certo il giocatore accuserà il colpo, dal momento che ha sempre guardato con una certa attrazione la maglia rossonera. Berlusconi si è anche pronunciato a proposito di Pato, in partenza per il Brasile: “Mi ha promesso che torna guarito tra un anno e mezzo. Una serie di infortuni ha creato un certo distacco fra lui e l’establishment di Milanello. L’accordo è stato che lui va là, ci rimane un anno, un anno e mezzo e poi torna al Milan. Questo è quello che mi ha detto abbracciandomi l’ultima volta che ci siamo visti, ad Arcore”. Beh, sarà contenta Barbara Berlusconi…

Comments

commenti